La preghiera dell'anziano.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La preghiera dell'anziano.

Messaggio  silvia il Sab Gen 30, 2010 2:16 am

Ho trovato qualcosa di Martini, che mi ha molto confortato.
Sono anziana, e stanca.
Faccio fatica anche a pregare....


LA VECHIAIA IL TEMPO DELLA PREGHIERA

L’anticipazione/Il nuovo libro del cardinale su come cambia l’orazione quando si raggiunge l’età anziana “Siamo fragili ma anche più pazienti”
Ho ben 82 anni di vita e la malattia di Parkison e gli acciacchi dell’età si fanno sentire. Ma probabilmente, per quanto riguarda la preghiera, sono ancora a metà del guado. Sento che la mia preghiera dovrebbe trasformarsi, ma non so bene in che modo, e sento anche una certa resistenza a compiere un salto decisivo.
So che posso dire come Isacco: «Io sono vecchio e ignoro il giorno della mia morte» (Gen 27,2), ma di questo non ho ancora tratto le conclusioni. Cerco comunque di chiarirmi le idee riflettendo un po’ sull’argomento. Mi pare che si possa parlare in due modi della preghiera dell’anziano. Si può considerare l’anziano nella sua crescente debolezza e fragilità, secondo la descrizione metaforica (ed elegante) del Qohèlet:

«Ricordati del tuo Creatore /
nei giorni della tua giovinezza /
prima che vengano i giorni tristi /
e giungano gli anni di cui dovrai dire: non ci trovo alcun gusto. /
Prima che si oscurino il sole, /
la luna, la luce e le stelle /
e tornino ancora le nubi dopo la pioggia; quando tremeranno i custodi della casa /
e si curveranno i gagliardi /
e cesseranno di lavorare le donne che macinano, /
perché rimaste poche / e si offuscheranno quelle che guardano dalle finestre /
e si chiuderanno i battenti sulla strada: /
quando si abbasserà il rumore della mola /
e si attenuerà il cinguettio degli uccelli /
e si affievoliranno tutti i toni del canto» (12,1-4).

Ma anche fino al verso Cool. In questo caso il tema sarà la preghiera (qui evocata dalle parole «Ricordati del tuo Creatore») di colui che è debole e fragile, di colui che sente il peso della fatica fisica e mentale e si stanca facilmente.

La salute e l’età non consentono più di dedicare alla preghiera i tempi lunghi di una volta: si sonnecchia facilmente e ci si appisola. Mi pare quindi sia necessario imparare a utilizzare al meglio il poco tempo di preghiera di cui si è in grado di disporre. Non riuscendo più a dedicare alla preghiera lo stesso tempo di quando si avevano più energie, e sentendola spesso come un po’ distante e poco consolante, è possibile che il proprio spirito venga catturato da un certo senso di scoraggiamento. Allora la tentazione sarà di accorciare ulteriormente i tempi da consacrare alla preghiera, limitandosi allo strettamente necessario.

Tuttavia questo accorciare i tempi dell’orazione potrebbe essere molto pericoloso. Infatti la preghiera, per dare qualche conforto, deve essere di norma un po’ prolungata. Se si restringe il tempo, anche le consolazioni sorgeranno con maggiore difficoltà e si creerà una sorta di circolo vizioso, che porterà a pregare sempre meno.


Ma la preghiera dell’anziano potrebbe anche essere considerata la preghiera di qualcuno che ha raggiunto una certa sintesi interiore tra messaggio cristiano e vita, tra fede e quotidianità. Quali saranno allora le caratteristiche di questa preghiera? Non è facile stabilirlo in astratto e aprioristicamente: occorrerebbe piuttosto riflettere sull’esperienza dei santi, in particolare dei santi anziani. Perciò bisognerebbe dedicare, con pazienza, un po’ di tempo alla ricerca. Anzitutto nella Bibbia.

In molti Salmi si parla apertamente dell’anziano e della sua condizione con espressioni molto significative e suggestive. Ad esempio: «Sono stato fanciullo e ora sono vecchio; non ho mai visto il giusto abbandonato né i suoi figli mendicare il pane» (Sal 36,25). Si veda anche l’esortazione del Salmo 148,12: «I vecchi insieme ai bambini lodino il nome del Signore». La Scrittura ci offre anche preghiere tipiche di un anziano. La più nota è la preghiera dell’anziano Simeone al tempio quando prende tra le sue deboli braccia il piccolo Gesù: «Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace, secondo la tua parola, perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli» (Lc 2,29 ss.).


La ricerca dovrebbe allargarsi ai Padri apostolici, come Ignazio e Policarpo, quindi ai Padri del deserto e ai grandi oranti di tutti i secoli. Non essendo qui possibile percorrere una tale via analitica, mi limiterò ad alcune riflessioni generali, aiutato anche dalla testimonianza di qualche confratello più anziano di me. Mi chiederò, cioè, quali potrebbero essere alcune caratteristiche positive nella preghiera di un anziano. Mi pare che possano emergere tre aspetti: un’insistenza sulla preghiera di ringraziamento; uno sguardo di carattere sintetico sulla propria vita ed esperienza; infine una forma di preghiera più contemplativa e affettiva, una prevalenza della preghiera vocale sulla preghiera mentale.

Sul primo di questi tre punti riporto la testimonianza di un confratello: «Riguardo ai contenuti della mia preghiera in questi anni di vecchiaia – ho 85 anni – si distingue la preghiera di ringraziamento. Si sono sviluppati due motivi per ringraziare Dio: anzitutto per avermi concesso un tempo in cui mi posso dedicare (vorrei quasi dire “a tempo pieno”) a prepararmi alla morte. E ciò non è dato a tutti. In secondo luogo per avermi mantenuto finora nel pieno dominio delle risorse mentali e, largamente, anche di quelle fisiche».


Là dove invece non c’è questo vigore fisico e/o mentale la preghiera si colorerà soprattutto di pazienza e di abbandono nelle mani di Dio, sull’esempio di Gesù che muore dicendo: «Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito» (Lc 23,46). È così che i Salmi ci insegnano a pregare: «Tu salvi dai nemici chi si affida alla tua destra» (Sal 16,7); «Mi affido alle tue mani: tu mi riscatti, Signore, Dio fedele» (Sal 30,6); «Lo salverò, perché a me si è affidato» (Sal 90,14). Chi ha raggiunto una certa età è anche nelle condizioni di volgere uno sguardo sintetico sulla propria vita, riconoscendo i doni di Dio, pur attraverso le inevitabili sofferenze. Veniamo quindi invitati a una lettura sapienziale della nostra storia e di quella del mondo da noi conosciuto. E beati coloro che riescono a leggere il proprio vissuto come un dono di Dio, non lasciandosi andare a giudizi negativi sui tempi vissuti o anche sul tempo presente in confronto con quelli passati!

La terza caratteristica della preghiera dell’anziano dovrebbe essere un crescere della preghiera vocale (e quindi una diminuzione della preghiera mentale) insieme a un inizio di semplice contemplazione che esprime con mezzi molto poveri la propria dedizione al Signore. Diminuisce la preghiera mentale per la minore capacità di concentrazione dell’anziano. Ma contemporaneamente bisogna aver cura di aumentare la preghiera vocale. Anche se un po’ assonnata o distratta, essa è comunque un mezzo per avvicinarci al Dio vivente. Sarebbe ideale arrivare a contemplare molto semplicemente il Signore che ci guarda con amore, oppure pensare a Gesù che ha bisogno di noi per rendere piena la sua lode al Padre. Ma qui sarà lo Spirito Santo che si farà nostro maestro interiore. A noi non resterà che seguirlo docilmente.
avatar
silvia

Numero di messaggi : 783
Età : 77
Località : Padova
Data d'iscrizione : 16.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La preghiera dell'anziano.

Messaggio  Anna Giacomina il Dom Gen 31, 2010 9:32 am

Grazie Silvia per questo lungo (forse un po' troppo) articolo del Card.Martini.
Io non trovo ci sia bisogno di porsi tanti problemi su come pregare ad una eta' o ad un'altra. Preghiera, per me, vuol dire essere sempre con il nostro cuore/pensiero rivolto a Dio e allora non credo che si debbano trovare modi diversi per pregare se vecchi o se giovani.
Certo, se son giovane avro' certi problemi e certe esigenze, se anziano altre e queste presentero' al Signore.
Di certo arrivati ad una certa eta' dovrebbe esser piu' facile e piu' logica la preghiera di ringraziamento per la lunga vita e le tante grazie che il Signore ci ha dato e che magari noi non abbiamo neanche riconosciuto come tali.
Alla fine pero' l'importante resta sempre il continuo dialogo con Dio, il continuo cercare di rimanere sempre legati a Lui e non tanto quanto tempo passo leggendo una sfilza di orazioni diverse (ma ci vogliono anche quelle, non fraintendetemi).

Pace a tutti
avatar
Anna Giacomina

Numero di messaggi : 1034
Località : Londra
Data d'iscrizione : 14.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La preghiera dell'anziano.

Messaggio  silvia il Lun Feb 01, 2010 12:05 am

Anna, del lungo scritto di Martini, mi ha confortato sentire che anche lui, che io ammiro e stimo e conosco come uomo di preghiera, essendo ora anziano, ammalato...confessa di fare fatica a pregare come quando aveva più forza e salute.
Sperimento anch'io che spesso mi aiuta, pregare con il Rosario che è un ripetere in contemplazione, parole note che introducono nel Mistero.

Inoltre, le parole di Martini mi danno conferma,che ciò che io sperimento in questo tempo,una preghiera semplificata, è da lui autorevolmente affermato : Sarebbe ideale arrivare a contemplare molto semplicemente il Signore che ci guarda con amore, oppure pensare a Gesù che ha bisogno di noi per rendere piena la sua lode al Padre. Ma qui sarà lo Spirito Santo che si farà nostro maestro interiore. A noi non resterà che seguirlo docilmente.
avatar
silvia

Numero di messaggi : 783
Età : 77
Località : Padova
Data d'iscrizione : 16.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La preghiera dell'anziano.

Messaggio  cassarà palma il Gio Feb 04, 2010 2:34 pm

Ho trovato questa preghiera e la trascrivo:




Preghiera degli anziani


Padre Onnipotente e buono,
ogni stagione della vita
è un tuo dono
ed in ogni età
tu ci puoi far gustare
la perenne giovinezza
dello spirito.
Tu hai promesso
sollievo e pace
a chi porta il peso
della sofferenza
e della solitudine:
aiutaci a sostenere pazientemente
la nostra croce quotidiana.
Ricompensa coloro che ci confortano
con il loro affetto e comprensione:
concedi loro l’abbondanza
delle tue grazie.
Amen.


<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<


Pace e serenità a tutti noi
avatar
cassarà palma

Numero di messaggi : 337
Età : 84
Località : palermo
Data d'iscrizione : 22.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La preghiera dell'anziano.

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum