VANGELO di Gesù: anno B

Pagina 2 di 19 Precedente  1, 2, 3 ... 10 ... 19  Seguente

Andare in basso

MAERTEDI' della II SETTIMANA DI AVVENTO anno B

Messaggio  annaxel il Mar Dic 12, 2017 2:39 pm

VANGELO
Dio non vuole che i piccoli si perdano.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 18,12-14

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: "Che cosa vi pare? Se un uomo ha cento pecore e una di loro si smarrisce, non lascerà le novantanove sui monti e andrà a cercare quella che si è smarrita? In verità io vi dico: se riesce a trovarla, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite. Così è volontà del Padre vostro che è nei cieli, che neanche uno solo di questi piccoli si perda".

Parola del Signore.

OMELIA
Percepiamo spesso quel particolare tipo di smarrimento che deriva proprio dal primo peccato e da quelli attuali che ci affliggono. L'esperienza del peccato è la forma peggiore di angoscioso disorientamento che possiamo sperimentare: lontani da Dio, nudi e spauriti, perdiamo la percezione della nostra vera identità e della nostra dignità, perdiamo il rapporto di comunione
con Dio, con i nostri fratelli e perfino con noi stessi. È consolante sapere da tutta la storia, che lo stesso Signore si è posto fin dal principio alla nostra ricerca e ha intessuto un piano di salvezza e di recupero dell'umanità, che ha avuto il suo culmine con la morte del pastore buono che s'immola sulla croce per le sue pecorelle. Cristo, anche per una sola delle sue pecore, avrebbe dato la vita pur di riaverla sana e salva nell'ovile. Lo afferma esplicitamente lo stesso Signore: "il Padre vostro celeste non vuole che si perda neanche uno solo di questi piccoli". La volontà di Dio è chiara: egli vuole che tutti siano salvi e i dispersi siano cercati e ritrovati, anche a costo della vita del Figlio suo. Ciò perché non manchi mai il motivo della gioia e della festa. "Se gli riesce di trovarla, - dice ancora Gesù - in verità vi dico, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite". È la gioia umana e divina, è il noto banchetto organizzato per il figlio che ritorna dopo l'abbraccio e il perdono paterno; è un anticipo e un "segno" della festa pasquale, della risurrezione finale, a cui tutti tendiamo. È anche la misura vera del nostro valore agli occhi di Dio! La stima e l'amore che egli nutre per ciascuno di noi!
(Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Mar Dic 12, 2017 3:15 pm

L’amore di Dio è paziente. Noi uomini, come le pecore siamo sventati, e ci cacciamo nei guai facilmente, ma Dio, quale buon pastore, mette in gioco la sua vita per salvarci.  Mi piace pensare che ogni volta ci perdiamo l'amore paziente di Dio ci cerca, e fino a quando non ci avrà ritrovato ci cercherà. Non siamo mai soli, ma spesso ci perdiamo in strade pericolose, negando il suo aiuto, la sua mano tesa affinché il precipizio non ci inghiottisca in un vortice senza ritorno...Lui attende paziente, dimentico di qualsiasi peccato che avremmo commesso, pronto ad offrirci una vita nuova, perché Lui è Amore e noi siamo le sue creature.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Mar Dic 12, 2017 8:06 pm

Per Gesù sono importanti soprattutto i "piccoli" cioè le persone che hanno più bisogno dell'amore di Dio e suo, li paragona a una pecora che si è persa e che ha bisogno del suo pastore, e che se riesce a trovarla prova più gioia nel ritrovare quella smarrita che per le altre che erano al sicuro sui monti. Così è anche la volontà di Dio Padre: che nessuno si perda ma che vengano tutti accolti nel Regno di Dio.
I love you
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2437
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MERCOLEDI' della II SETTIMANA DI AVVENTO anno B

Messaggio  annaxel il Mer Dic 13, 2017 11:14 am


VANGELO
Venite a me, voi tutti che siete affaticati.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 11,28-30

In quel tempo, Gesù disse: «Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».

Parola del Signore.

OMELIA

C'è un bell'invito oggi per tutti noi che stiamo, giorno dopo giorno, entrando nel clima natalizio, carichi dei nostri fardelli e spesso affaticati e oppressi dalle alterne vicende della nostra vita: «Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero». La nostra vita è un libro sempre aperto per il Signore: egli sa delle nostre vicende personali, legge ad ogni istante la storia del mondo ed è costante la sua cura paterna per tutti e per ognuno di noi. Cristo viene a redimere la nostra storia e ci sollecita ad andare con fiducia da lui per liberarci dalle nostre stanchezze e dalle nostre oppressioni. Egli sa che non siamo capaci a portare da soli certi pesi, né siamo capaci di liberarci dalle nostre stanchezze e dalle nostre infelicità e oppressioni. Abbiamo bisogno di un rifugio e di un ristoro sicuri, di una consolazione vera e di una gioia autentica e duratura. Il giogo che egli ci affida, la fatica del nostro ritorno a lui e l'impegno necessario per seguire i suoi precetti è "dolce" e "leggero", perché quel peso e quella fatica se la uniamo alla grande fatica che egli ha sostenuto per noi, portando con la croce, i pesi più grandi, i nostri peccati, concorre ancora ad essere motivo di salvezza e di redenzione. Gesù si definisce "mite ed umile di cuore", proponendosi come nostro modello e indicandoci la via per andare da lui: occorrono mitezza ed umiltà, le virtù che frenano le nostre inquietudini e ci predispongono ad una vera comunione con Cristo e con i nostri fratelli.
(Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Mer Dic 13, 2017 5:54 pm

Gesù invita tutti coloro che credono in Lui di venire a Lui perchè la sua umiltà e mitezza di cuore è per tutti e che il suo giogo e il suo peso leggero sono la Parola che Lui proclama che lenisce ogni dolore del cuore che Lui guarisce con il Suo Divino Amore.
I love you
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2437
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Gio Dic 14, 2017 9:06 am

All'umanita' stanca e oppressa Gesù promette un ristoro, consistente
nell'assumere il suo giogo, sicuri che il suo giogo è dolce e leggero, perchè è lui a portarlo per noi e con noi.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

GIOVEDI' della II SETTIMANA DI AVVENTO anno B

Messaggio  annaxel il Gio Dic 14, 2017 10:06 am

VANGELO
Non ci fu uomo più grande di Giovanni Battista.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 11,11-15

In quel tempo, Gesù disse alle folle: «In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui. Dai giorni di Giovanni il Battista fino ad ora, il regno dei cieli subisce violenza e i violenti se ne impadroniscono. Tutti i Profeti e la Legge infatti hanno profetato fino a Giovanni. E, se volete comprendere, è lui quell'Elìa che deve venire. Chi ha orecchi, ascolti!».
Parola del Signore.

OMELIA

L'attesa messianica aveva assunto nel corso della storia del popolo d'Israele connotati molto diversi; pochi avevano compreso il significato autentico della venuta del Messia, molti invece avevano riposto la speranza nella promessa di un nuovo regno e nell'avvento di nuove grandezze e di potere o, al più, di liberazione solo da altre umane oppressioni e tirannie. La classe dirigente, che deteneva il potere religioso al tempo di Gesù, si era impadronito con violenza di questo falso credo e cercava di conservarlo e di proporlo ad oltranza. Questo è il presupposto di ogni rifiuto del vero piano salvifico divino; sarà uno dei motivi della condanna di Gesù. È anche motivo della non accettazione della predicazione e del battesimo di Giovanni Battista. Sta avvenendo un passaggio storico, una svolta decisiva. Giovanni addita al mondo "l'agnello di Dio che toglie i peccati del mondo", egli è un grande profeta, il più grande tra i nati di donna, l'ultimo dei profeti del vecchio testamento, legato da prima della nascita al Cristo. È il nuovo Elia, ma ancora una volta molti non l'accettano. È la sorte dei profeti essere incompresi, respinti e violentati. È l'assurdo della storia degli uomini che attendono per secoli una venuta importante e decisiva e poi non sanno riconoscere e rifiutano l'evento salvifico finale. Saper leggere la storia della salvezza, saper riconoscere gli inviati di Dio e i suoi doni di salvezza, è frutto dello Spirito, sgorga dalla fede e non della povera intelligenza umana.
(Padri Silvestrini)



Ultima modifica di annaxel il Gio Dic 14, 2017 3:33 pm, modificato 1 volta
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Gio Dic 14, 2017 10:59 am

Gesù dice di suo cugino, Giovanni Battista che è il più grande tra i nati di donna e che lui era quell'Elia che doveva venire come hanno profetizzato su di lui. Giovanni aveva il compito di preparare la strada e i cuori all'Avvento del Figlio di Dio, e lo ha fatto in maniera severa ma anche umile ed è per questo che ha l'ammirazione e il rispetto di Gesù: per aver svolto il suo compito in maniera eccellente.
king
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2437
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Gio Dic 14, 2017 3:53 pm

Il brano di oggi si apre sulla figura del Battista, ai dubbi di Giovanni, se Gesù sia realmente il Messia, colui che deve venire, egli risponde con una citazione di Isaia: “In quel giorno, i sordi udranno le parole del libro, e, liberati dall’oscurità e dalle tenebre, gli occhi dei ciechi vedranno; 
19 gli umili avranno abbondanza di gioia nell’Eterno, e i più poveri tra gli uomini esulteranno nel Santo d’Israele.  (Is,18-19)
Il Battista, posto al confine tra la prima e la nuova alleanza, viene descritto con l'immagine del profeta Elia, annunciato dal profeta Malachia (3,23), sarà colui che preparerà le folle alla venuta del Salvatore.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

VENERDI' della II SETTIMANA DI AVVENTO anno B

Messaggio  annaxel il Ven Dic 15, 2017 10:38 am

VANGELO
Non ascoltano né Giovanni né il Figlio dell'uomo.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 11,16-19

In quel tempo, Gesù disse alle folle: «A chi posso paragonare questa generazione? È simile a bambini che stanno seduti in piazza e, rivolti ai compagni, gridano: "Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato, abbiamo cantato un lamento e non vi siete battuti il petto!". È venuto Giovanni, che non mangia e non beve, e dicono: "È indemoniato". È venuto il Figlio dell'uomo, che mangia e beve, e dicono: "Ecco, è un mangione e un beone, un amico di pubblicani e di peccatori". Ma la sapienza è stata riconosciuta giusta per le opere che essa compie».
Parola del Signore.

OMELIA
Il rifiuto gratuito ha in se dell'assurdo. Allora ecco lo sforzo insane e continuo di cercare pretesti per giustificare il proprio disimpegno. Era l'atteggiamento dei nemici del Signore, sempre a caccia di appigli per denigrare e diffamare. Così hanno fatto con Giovanni Battista, accusato di essere posseduto da un demonio perché rigido ed austero, così tentano di fare con Cristo che mangia e beve con i peccatori ed è amico dei pubblicani. Per chi non vuole aderire alla fede c'è sempre un pretesto per rifiutarla; per chi vuole giustificare il proprio disimpegno e la propria immoralità c'è sempre una scusa da accampare e cercare costantemente negli altri, in qualcuno che a torto o a ragione agisce come noi o peggio di noi. L'evento messianico è un invito alla gioia, alla danza, gli stessi angeli di Dio alla nascita del Salvatore scenderanno a cantare la gloria di Dio e la pace per gli uomini. Gli uomini però sapranno ancora una volta opporre un rifiuto adducendo la motivazione degli impegni pressanti della vita e le mille distrazioni che distolgono dai veri obiettivi della umana esistenza. È grave restare fuori del banchetto di Dio, dopo aver ricevuto l'invito gratuito a partecipare alle nozze, è grave sentirsi dire "non vi conosco". È ormai prossimo il Natale: è l'ennesimo invito alla danza, cerchiamo di non mancare alla festa. Che non debba ripetersi l'accusa che l'evangelista Giovanni ci muove: "La luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l'hanno accolta", e ancora: "Venne fra la sua gente, ma i suoi non l'hanno accolto". Sarebbe un brutto Natale!
(Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Ven Dic 15, 2017 11:40 am

Gesù dice che chi doveva accoglierlo con gioia l'ha invece trattato con indifferenza assoluta...
Giovanni Battista non mangiava e non beveva e dicevano che era un indemoniato mentre Gesù, Colui che Giovanni aveva indicato, mangia e beve con i peccatori e per questo dicono di Lui che è un mangione e un beone e un peccatore come tanti. E dicendo che la sapienza è stata riconosciuta giusta per le opere che essa compie, Gesù vuole dire che chi lo critica può parlare quanto vuole: Dio è con Lui e con chi crede in Lui.
I love you
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2437
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Ven Dic 15, 2017 3:24 pm

Nel Vangelo di oggi Gesù mette in evidenza un atteggiamento che anche noi viviamo quotidianamente. Di solito siamo così abituati a vivere superficialmente, che non riusciamo a cogliere il senso delle situazioni. Siamo sempre scontenti e alla fine, ci lamentiamo anche con Dio e non ci sta bene nemmeno quello che egli fa per noi. Gesù c’invita a non fare come i suoi contemporanei, che non hanno saputo riconoscere la voce di Dio che parlava, prima in Giovanni il Battista e poi nella sua persona, lamentandosi fino al punto di non riconoscere la sua salvezza. Giovanni Paolo II, durante la veglia di preghiera della XV GMG nel 2000 a Roma, ha detto queste parole ai giovani presenti: “In realtà, è Gesù che cercate quando sognate la felicità; è Lui che vi aspetta quando niente vi soddisfa di quello che trovate; è Lui la bellezza che tanto vi attrae; è Lui che vi provoca con quella sete di radicalità che non vi permette di adattarvi al compromesso; è Lui che vi spinge a deporre le maschere che rendono falsa la vita; è Lui che vi legge nel cuore le decisioni più vere che altri vorrebbero soffocare. È Gesù che suscita in voi il desiderio di fare della vostra vita qualcosa di grande, la volontà di seguire un ideale, il rifiuto di lasciarvi inghiottire dalla mediocrità, il coraggio di impegnarvi con umiltà e perseveranza per migliorare voi stessi e la società, rendendola più umana e fraterna”. Impegniamoci, in questo Avvento, in questa giornata, a gioire delle cose che abbiamo, a non darle per scontate, a non lamentarci continuamente delle cose che non vanno!
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

DOMENICA della III DOMENICA DI AVVENTO anno B

Messaggio  annaxel il Lun Dic 18, 2017 11:15 am

Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni.
DAL VANGELO Secondo Giovanni 1,6-8. 19-28

Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce.
Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e levìti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose. Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaìa».
Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?». Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell'acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo».
Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.


Medita
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

LUNEDI' della III SETTIMANA DI AVVENTO anno B

Messaggio  annaxel il Lun Dic 18, 2017 11:19 am


VANGELO
Gesù è nato da Maria, sposa di Giuseppe, figlio di Davide.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 1,18-24

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa «Dio con noi». Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l'angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.
Parola del Signore.

OMELIA
Davvero gli occhi degli uomini vedono in modo totalmente diverso da quelli di Dio: una storia che poteva anche degenerare in una crudele lapidazione di una fanciulla innocente con l'ignominiosa accusa di adulterio e di infedeltà, diventa invece storia di salvezza, storia sacra, che rivela una misteriosa trama divina. Quanto è avvenuto in Maria è opera dello Spirito Santo: ciò è quanto aveva predetto l'Angelo alla stessa Vergine, ciò è quanto rivela l'angelo con le medesime parole a Giuseppe, in preda ai suoi legittimi dubbi. L'evento era già stato preannunciato dai profeti nei tempi antichi: "Ecco la vergine concepirà e partorirà un figlio che sarà chiamato Emmanuele", che significa Dio-con-noi.
(Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Lun Dic 18, 2017 12:15 pm

Giuseppe era un uomo giusto che amava Maria ma non comprendeva come mai si fosse trovata incinta e per opera dello Spirito Santo, ed è per questo motivo che voleva ripudiarla in segreto perchè non capiva. Ma Dio Padre che vuole sempre che i suoi disegni vengano svelati fa apparire un angelo a Giuseppe in sogno e gli spiega tutto ciò che doveva avvenire alla sua futura sposa e al Bambino che salverà il suo popolo dai peccati. Allora Giuseppe comprese e prese in sposa Maria ed ella avrà il compito più importante: mettere alla luce il Salvatore del mondo e prendersi cura di Lui dalla Nascita fino alla Morte e Resurrezione.
I love you
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2437
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Lun Dic 18, 2017 3:53 pm

Agli occhi di Dio l’adulterio è una cosa detestabile. Nell’antico Israele veniva punito con la morte (Levitico 18:20,22, 29).....così poteva capitare a Maria. Questo capitolo è centrato sull'adempimento della profezia di Is. 7,14, l'annunzio della nascita dell'Emmanuele ( in ebraico <Dio con noi>), ma, vuole mostrare anche l'altra faccia dell'identità di Gesù, inserito nella storia degli uomini, pur essendo Figlio di Dio, nato da una vergine, per opera dello Spirito Santo. In questo brano, Matteo ci mostra anche la dimensione umana dell'evento, narrato dalla prospettiva di Giuseppe, presentando un delicato e insieme angoscioso atteggiamento di ricerca. Ed ecco che nel sonno di Giuseppe viene l’angelo del Signore ed egli lo riconosce. Quante volte ha pregato nel Tempio: “Il tuo volto, Signore, io cerco, non nascondermi il tuo volto…”. E Giuseppe lo riconosce perché è una presenza di luce che lo rassicura. È la luce di Dio che guiderà da quel momento la vita di Giuseppe in aiuto della Sacra Famiglia.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MARTEDI' della III SETTIMANA DI AVVENTO anno B

Messaggio  annaxel il Mar Dic 19, 2017 11:05 am


VANGELO  
La nascita di Giovanni Battista è annunziata dall'angelo.
+Dal Vangelo secondo Luca 1,5-25

Al tempo di Erode, re della Giudea, c'era un sacerdote chiamato Zaccaria, della classe di Abia, e aveva in moglie una discendente di Aronne chiamata Elisabetta. Erano giusti davanti a Dio, osservavano irreprensibili tutte le leggi e le prescrizioni del Signore. Ma non avevano figli, perché Elisabetta era sterile e tutti e due erano avanti negli anni. Mentre Zaccaria officiava davanti al Signore nel turno della sua classe, secondo l'usanza del servizio sacerdotale, gli toccò in sorte di entrare nel tempio per fare l'offerta dell'incenso. Tutta l'assemblea del popolo pregava fuori nell'ora dell'incenso. Allora gli apparve un angelo del Signore, ritto alla destra dell'altare dell'incenso. Quando lo vide, Zaccaria si turbò e fu preso da timore. Ma l'angelo gli disse: "Non temere, Zaccaria, la tua preghiera è stata esaudita e tua moglie Elisabetta ti darà un figlio, che chiamerai Giovanni. Avrai gioia ed esultanza e molti si rallegreranno della sua nascita, poiché egli sarà grande davanti al Signore; non berrà vino né bevande inebrianti, sarà pieno di Spirito Santo fin dal seno di sua madre e ricondurrà molti figli d'Israele al Signore loro Dio. Gli camminerà innanzi con lo spirito e la forza di Elia, per ricondurre i cuori dei padri verso i figli e i ribelli alla saggezza dei giusti e preparare al Signore un popolo ben disposto". Zaccaria disse all'angelo: "Come posso conoscere questo? Io sono vecchio e mia moglie è avanzata negli anni". L'angelo gli rispose: "Io sono Gabriele che sto al cospetto di Dio e sono stato mandato a parlarti e a portarti questo lieto annunzio. Ed ecco, sarai muto e non potrai parlare fino al giorno in cui queste cose avverranno, perché non hai creduto alle mie parole, le quali si adempiranno a loro tempo". Intanto il popolo stava in attesa di Zaccaria, e si meravigliava per il suo indugiare nel tempio. Quando poi uscì e non poteva parlare loro, capirono che nel tempio aveva avuto una visione. Faceva loro dei cenni e restava muto. Compiuti i giorni del suo servizio, tornò a casa. Dopo quei giorni Elisabetta, sua moglie, concepì e si tenne nascosta per cinque mesi e diceva: "Ecco che cosa ha fatto per me il Signore, nei giorni in cui si è degnato di togliere la mia vergogna tra gli uomini".
Parola del Signore.

OMELIA
La nascita prodigiosa di Giovanni Battista segna l'intima unione che esiste tra vecchio e nuovo testamento. L'approdo è Cristo. Tutto ciò che lo precede e tutto ciò che segue, va visto e letto alla sua luce. Scopriamo così una mirabile trama divina che si snoda nella storia e ce la rivela come evento di amore e di salvezza. «Ecco che cosa ha fatto per me il Signore!». È l'esclamazione di Zaccaria che ha preso coscienza dell'intervento del Signore nella sua vita; è diventato padre quando ormai le umane speranze si erano tutte spente. Sentiamo l'eco di quell'incessante rendimento di grazie che sgorga dal cuore dei salvati, di tutti coloro che riconoscono che Dio ha fatto grandi cose, ha compiuto prodigi, ha tolto la vergogna del peccato tra gli uomini. La fecondità prodigiosa ci fa pensare all'aridità, al deserto dove nulla più fiorisce, al vuoto di tante vite e d'altra parte alla fecondità della grazia, alla santità di tanti fratelli e sorelle. Ci fa pensare ai doni di Dio e all'impegno che ne deriva. La nascita del Battista è direttamente finalizzata all'annuncio del Cristo; tutti i favori divini dovrebbero spingerci ad diventare, a nostra volta, annunciatori del suo regno e testimoni della sua bontà. C'è poi un invito esplicito a non spegnere mai in noi la speranza, anche quando le circostanze della vita, i fatti negativi che ci coinvolgono vorrebbero indurci a credere che non c'è più nulla da fare. Troppe volte il Signore ci ha clamorosamente smentiti. Ci chiede di credere ancora nella sua venuta, alla sua presenza e nel fervore della speranza. Solo la perdita colpevole della fede ci riduce al mutismo e all'inerzia.
(Padri Silvestrini)


Ultima modifica di annaxel il Mar Dic 19, 2017 11:25 am, modificato 1 volta
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Mar Dic 19, 2017 11:24 am

E' nel tempio di Gerusalemme che Zaccaria riceve la promessa della nascita di un figlio, il suo nome sarà Giovanni ( in ebraico <il Signore fa grazia>); egli avrà il compito di preparare la venuta del Signore. I dubbi di Zaccaria si traducano in un simbolico mutismo che si contrapporranno con forza alla successiva risposta positiva di Maria.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Mar Dic 19, 2017 12:10 pm

Elisabetta e Zaccaria erano entrambi avanti con gli anni e non si aspettavano di ricevere il dono di un figlio che sarà poi Giovanni Battista, egli avrà il compito di preparare la strada nei cuori per il Figlio di Dio che nascerà da Maria Vergine, e saranno grandi tutti e due perchè Giovanni sarà come una piccola luce che darà testimonianza a una luce più grande cioè Gesù.
sunny
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2437
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MERCOLEDI' della III SETTIMANA DI AVVENTO anno B

Messaggio  annaxel il Mer Dic 20, 2017 1:15 pm

VANGELO  
Ecco, concepirai e darai alla luce un figlio.
+ Dal Vangelo secondo Luca 1,26-38

Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L'angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all'angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l'angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l'angelo si allontanò da lei.
Parola del Signore.

OMELIA
E' frequente per l'uomo la tentazione di cercare la salvezza ricorrendo agli umani artifici: il re Acaz ha immolato il proprio figlio agli dei pagani, convinto di garantirsi così un futuro prospero e sicuro per il proprio regno, ma la garanzia del futuro non consiste in questo, protesta il profeta Isaia. I segni e i progetti di Dio trascendono di gran lunga le attese degli uomini; Egli ci sorprende e ci stupisce preannunciando per bocca del profeta prima e poi con l'annuncio del suo Angelo, l'avvento e la nascita di un bimbo da una vergine: nella nascita prodigiosa del figlio di Dio e nella sua immolazione sulla croce sarà riposta la vera salvezza dell'umanità, in quella nascita sperimenteremo la presenza del Signore tra noi e in lui riponiamo la nostra speranza. Il Figlio sarà immolato, ma non a dei pagani, ma al vero Dio, che da quella morte farà scaturire la salvezza universale. In questo contesto scopriamo la sublimità del ruolo che lo stesso Dio affida alla Vergine Maria; così lei entra a pieno titolo nella nostra storia come vergine e madre feconda.
(Padri Silvestrini)


Ultima modifica di annaxel il Mer Dic 20, 2017 1:43 pm, modificato 1 volta
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Mer Dic 20, 2017 1:42 pm

Il brano si apre con l’angelo «mandato da Dio ad una vergine » e termina con l’angelo che parte da lei. Al centro l’evento che cambia la storia: il “sì” di Maria permette al Verbo Eterno di incarnarsi, di diventare il Dio con noi. In Maria si compiono le profezie: la Vergine dà alla luce il Figlio di Dio, il Salvatore del mondo; in lei, il popolo di Israele risponde alle attese di Dio, che finalmente, attratto dal “sì” dell’obbedienza e dell’amore, viene sulla terra per redimere l’umanità e unirla a sé come Sposa.
Maria è piena di grazia per un privilegio assolutamente particolare, sarà la Madre del Figlio di Dio che, con il suo “SI'” si è resa idonea a questa missione. Luca, è l'evangelista che ci parla di Maria più allungo, ma al centro di tutto c'è la figura di Gesù, nato senza intervento umano per opera dello Spirito Santo (che qui appare nominato per la prima volta). Maria, sarà la strada più breve che porterà a Gesù.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Mer Dic 20, 2017 8:10 pm

L'annuncio dell'Angelo Gabriele a Maria è una sorpresa ma anche un onore per lei, perchè la chiama piena di grazia e il Signore è con lei. Maria non capiva il significato di quel saluto così ossequioso da un angelo di Dio e lui le spiega che è stata scelta da Dio per essere la Madre del Figlio di Dio, e che il Suo Regno non avrà mai fine. Lei si domanda come avverrà tutto questo e l'angelo le dice che lo Spirito Santo la coprirà con la sua ombra, e che persino Elisabetta sua parente sta per mettere al mondo il futuro Precursore del Bambino che avrà lei, e che nulla è impossibile a Dio. A queste parole Maria dice che lei è semplicemente l'ancella del Signore e che può avvenire in Lei ciò che le è stato detto, e da quel momento comincia la sua missione di Madre di Dio.
sunny
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2437
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

GIOVEDI' della III SETTIMANA DI AVVENTO anno B

Messaggio  annaxel il Gio Dic 21, 2017 1:52 pm

VANGELO
A che debbo che la madre del mio Signore venga a me?
+ Dal Vangelo secondo Luca 1,39-45

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
Parola del Signore.

OMELIA
Entrati nel cuore dell'Avvento, prossimi al Natale, la liturgia ci introduce sempre più nel cuore della Vergine. La consapevolezza del dono della maternità divina avrebbe potuto legittimamente indurre Maria a immergersi in una adorante e solitaria contemplazione del mistero che si stava compiendo in lei. Oggi invece la vediamo sollecita salire in fretta verso la montagna per prestare gli umili soccorsi di cui ha bisogno Elisabetta, prossima alla maternità. È bello costatare come i misteri di Dio si svelino quando sono irrorati dall'amore e dalla carità fraterna: «Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo». Amore genera amore e la luce di Dio illumina i suoi misteri: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me?». La luce dello Spirito Santo, che emana da Maria, pervade il cuore di Elisabetta. Le è così consentito, nella gioia, di scorgere le realtà profonde ed invisibili ad occhio umano: Maria non è più la giovane parente che conosceva da sempre, ma la Madre del Signore, la benedetta fra tutte le donne, che ha creduto alla parola del Signore e porta nel grembo verginale il Dio della vita. Ancora così Dio ci si fa conoscere, attraverso la vie dell'amore, amore verso di Lui e verso i nostri fratelli. Quando l'amore diventa un vissuto quotidiano e un abito che stabilmente ci adorna, Dio è con noi e noi siamo con Lui: è il massimo della gioia possibile a noi, esseri viandanti verso il cielo. (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Gio Dic 21, 2017 7:59 pm

Maria parte per andare a visitare Elisabetta e quando lei la saluta il bambino nel suo grembo sussulta di gioia, e per ispirazione dello Spirito Santo Elisabetta le dice che Maria è benedetta tra tutte le donne sia lei che il frutto del suo grembo che è Gesù, e le chiede a cosa deve che la Madre del Suo Signore venga a lei perchè Elisabetta è la madre del Precursore del Suo Figlio mentre Maria porta in grembo il Figlio di Dio, ed è beata perchè ha creduto subito al Disegno Divino su di lei.
sunny
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2437
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Ven Dic 22, 2017 9:50 am

Elisabetta, per opera dello Spirito, comprende una realtà fondamentale: Maria è beata perché ha creduto alla parola del Signore. Ciò significa che la Vergine di Nazareth non ha dubitato nemmeno per un istante sul fatto che quanto le aveva detto l’angelo potesse non essere vero; e questo, nonostante le promesse fattele andassero al di là di qualsiasi previsione umana.  Elisabetta esalta la fede di Maria, perchè quel "si" veniva dal cuore, affidandosi senza riserve alle parole del Signore. Certe volte, nella nostra vita, ci sembra che Dio non possa veramente amarci o mantenere le promesse che ci ha fatto, semplicemente perché ci sembra impossibile che egli si ricordi davvero di noi. Eppure, Maria sta a ricordarci che, quando si crede a Dio, non gli si pone nessun limite di azione nella nostra vita. Egli può davvero fare quello che vuole e perciò vediamo miracoli.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3402
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 19 Precedente  1, 2, 3 ... 10 ... 19  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum