VANGELO di Gesù: anno B

Pagina 14 di 18 Precedente  1 ... 8 ... 13, 14, 15, 16, 17, 18  Seguente

Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Ven Apr 13, 2018 9:58 am

VANGELO
Gesù distribuì i pani a quelli che erano seduti, quanto ne volevano.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni 6,1-15
In quel tempo, Gesù passò all'altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei. Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva quello che stava per compiere. Gli rispose Filippo: «Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo». Gli disse allora uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: «C'è qui un ragazzo che ha cinque pani d'orzo e due pesci; ma che cos'è questo per tanta gente?». Rispose Gesù: «Fateli sedere». C'era molta erba in quel luogo. Si misero dunque a sedere ed erano circa cinquemila uomini. Allora Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li diede a quelli che erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, quanto ne volevano. E quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: «Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto». Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d'orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato. Allora la gente, visto il segno che egli aveva compiuto, diceva: «Questi è davvero il profeta, colui che viene nel mondo!». Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo.
Parola del Signore.

OMELIA
La folla che segue Gesù, quella di allora e quella di oggi, è gente affamata. È normale che ci attendiamo da lui il nutrimento necessario alla nostra vita. C'è però il rischio di ridurre così la sua opera nei nostri confronti alle sole dimensioni umane. Da sempre coloro che sono capaci di procurarci da mangiare, soprattutto quando i morsi della fame si fanno sentire con maggiore intensità, hanno conquistato consensi e sono stati ritenuti salvatori. Sono questi i pensieri della gente e anche degli stessi apostoli e Gesù li mette alla prova: «Dove possiamo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». I doni di Dio non si comprano con il denaro; il comprare è una dimensione ed una esperienza solo umana, la missione di Cristo trascende le nostre quotidiane misure ed Egli perciò non si lascia sfuggire occasione per ribadire la novità e la ricchezza che viene a portare agli uomini. La prima ricchezza riguarda la fede in lui, quella che consente di andare oltre i calcoli e le misure, per immergerci nella potenza di Dio. È la fede nella provvidenza divina, capace di autentici miracoli. È ciò che Gesù sta per compiere. «Prese i pani e, dopo aver reso grazie, li distribuì a quelli che si erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, finché ne vollero». È facile scorgere, da gesti e dalle parole del Signore, un intimo legame, ai gesti e alle parole della prima grande eucaristia; quella di oggi potremmo definirla l'eucaristia della solidarietà o dell'amore che sfama gli affamati, quella che meglio prepara all'intima comunione con Cristo e che da quella comunione trae origine. I testimoni e i beneficiari del prodigio non sono in grado di comprenderne il significato, ora è affidato a noi, perché sappiamo dedurne motivi di fede, motivi di operosa solidarietà per realizzare nella vita di credenti quel legame tra eucaristia dell'altare e eucaristia dell'amore e della carità. (Padri Silvestrini)
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Ven Apr 13, 2018 10:02 am

Gesù non fa il miracolo della moltiplicazione dei pani non perchè vuole diventare un re materiale, ma perchè vuole che tutti coloro che lo seguono non abbiano mai fame e che lo riconoscano come re dei loro cuori, ma questo la gente non lo capisce e allora Gesù preferisce stare da solo con il Padre, perchè solo Lui sa per quale motivo è venuto sulla terra: per redimerla con il Suo Divino Amore per gli uomini.
I love you
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Sab Apr 14, 2018 11:31 am

VANGELO
Videro Gesù che camminava sul mare.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni 6,16-21
Venuta la sera, i discepoli di Gesù scesero al mare, salirono in barca e si avviarono verso l'altra riva del mare in direzione di Cafàrnao. Era ormai buio e Gesù non li aveva ancora raggiunti; il mare era agitato, perché soffiava un forte vento. Dopo aver remato per circa tre o quattro miglia, videro Gesù che camminava sul mare e si avvicinava alla barca, ed ebbero paura. Ma egli disse loro: «Sono io, non abbiate paura!». Allora vollero prenderlo sulla barca, e subito la barca toccò la riva alla quale erano diretti.
Parola del Signore.

OMELIA
Cogliamo i particolari di una scena che l'evangelista Giovanni ci descrive: i discepoli di Gesù sono su una barca e stanno facendo la traversata del lago di Tiberìade, diretti a Cafàrnao. «Era ormai buio e Gesù non li aveva ancora raggiunti; il mare era agitato, perché soffiava un forte vento». Il dato più importante è che Gesù non era con loro. Avventurarsi nella difficile traversata della vita senza di Lui è rischioso e temerario. Tanto più se siamo privi di luce interiore e il buio si è calato nel nostro spirito; soli al buio e senza il conforto della presenza di Cristo, è una situazione davvero difficile, tanto più se soffia il vento delle passioni, premono su di noi le preoccupazioni della vita, sopraggiungono le prove difficili da superare. Senza di Lui, al buio, mentre soffia un forte vento: capita di frequente, il risultato più evidente è la paura di non farcela, di restare sommersi dalle onde di doversi dichiarare sconfitti dagli eventi. Di gente che affoga, di vite sommerse dalle onde, di uomini spauriti ne sentiamo parlare ogni giorno. L'abbandono, l'emarginazione, la solitudine sono i mali del nostro tempo: troppo spesso dobbiamo costatare che non solo non c'è Gesù tra loro, ma sono assenti anche coloro che dovrebbero far sentire con la loro presenza amorosa quella del Signore. È sempre confortante però costatare che allora come oggi, egli viene e cammina sulle acque per poi sentirsi accolto nella nostra barca traballante. Allora, una volta presente e accolto può davvero dirci parole di consolazione e far si che la nostra barca, la mostra vita raggiunga felicemente la meta. (Padri Silvestrini)
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Sab Apr 14, 2018 11:35 am

L'avvertimento di Gesù ai suoi discepoli che hanno paura cioè: "Sono io, non abbiate paura!", è come un avviso su chiunque crede in Lui. Se noi crediamo fermamente in Gesù e lo facciamo salire sulla nostra barca, tutto ciò che facciamo andrà in porto, perchè Lui vuole sia il nostro amore che la nostra fiducia e se lo amiamo veramente e abbiamo veramente fiducia in Lui, tutto ciò che ci spaventa diventerà possibile.
I love you
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Dom Apr 15, 2018 9:14 am

VANGELO
Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno.
+ Dal Vangelo secondo Luca 24,35-48
In quel tempo, [i due discepoli che erano tornati da Emmaus] narravano [agli Undici e a quelli che erano con loro] ciò che era accaduto lungo la via e come avevano riconosciuto [Gesù] nello spezzare il pane. Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho». Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro. Poi disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni».
Parola del Signore.

OMELIA
Siamo oggi a due settimane dalla Pasqua e le letture, la Parola di Dio risentono ancora del clima di festa, del clima di gioia pasquale per la risurrezione di Gesù. Luca nella prima lettura dagli Atti degli Apostoli ci racconta di Pietro, Pietro che dopo la discesa dello Spirito Santo non ha più paura. Prima le porte del Cenacolo erano serate, chiuse per paura, oggi Pietro esce dal Cenacolo, comincia a predicare, comincia a dare testimonianza, e con parole dure contro i giudei, contro i farisei... «Voi avete ucciso l'autore della vita!» E Pietro sottolinea un paradosso: Pilato, un pagano, non solo, uno scettico, mosso da un senso innato di rettitudine, di giustizia, ha fatto di tutto per liberare Gesù, per preservare Gesù dalla condanna a morte. Invece i capi del popolo eletto lo hanno crocifisso. Ma Pietro continua a parlare, senza paura, senza timore. E alcuni credono, si convertono. Chiedono: «che cosa dobbiamo fare? Come riparare il peccato?» «Pentitevi, pentitevi e cambiate vita». Anche a noi, oggi risuonano queste stesse parole di Pietro. Noi siamo presenti, per mezzo della liturgia, siamo presenti a quell'evento. A noi oggi, come allora, san Pietro dice: «pentitevi e cambiate vita». E forse non si tratta solo della confessione, non si tratta di un semplice pentimento. Si tratta del cambiar vita, del cambiare le nostre visioni, i nostri ideali, le nostre strade... per sostituire le nostre con quelle di Cristo. Non è una cosa semplice e non è immediata. È un processo che ha un inizio, che parte, inizia, per non finire più se non in Dio. Perché quanto più ci avviciniamo al Signore, quanto più gli siamo vicini, tanto più ci accorgiamo quanta strada abbiamo ancora davanti, quanto abbiamo ancora da camminare... Nel Vangelo invece vediamo Gesù in mezzo ai suoi discepoli. Cristo non ci lascia soli come non ha lasciato soli gli apostoli. Dopo la sua risurrezione appare loro molte volte. Nei quaranta giorni tra la Pasqua e l'Ascensione continua ad essere con loro. Parla con loro, mangia, rimprovera la loro incredulità, risolve i dubbi... Tutto questo per rafforzare la loro fede, tutto questo per rinsaldarli, renderli più convinti. Fare di loro missionari, testimoni. E il Vangelo si conclude proprio così: «Di questo voi siete testimoni». Testimoni della morte, della risurrezione, dell'amore, testimoni e servitori del Vangelo di Cristo. Questo è il compito che Gesù lascia ai discepoli, lo lascia a tutti coloro che lo vogliono seguire. Alla fine della messa noi usciamo di Chiesa, torniamo alle nostre case, ai nostri impegni, ma dobbiamo uscire da qui cambiati, trasformati dall'incontro con Cristo, diversi, come i discepoli di Emmaus, che, senza guardare che era notte, senza guardare la fatica del ritorno, senza indugio tornano a Gerusalemme per annunziare la buona novella. Che cosa impariamo oggi, che cosa ci insegna la Liturgia della parola? La prima cosa dovrebbe essere proprio quella dell'ammonimento di Pietro: Pentitevi e cambiate vita. A questo Gesù aggiunge: siate i miei testimoni. Ed è proprio questo che ci chiede oggi il Signore, di essere suoi testimoni, testimoni che la vita ha un senso, che la vita ha un fine, uno scopo, una direzione precisa che è Cristo Gesù. Non è vero che il male è più forte del bene, non è vero che la morte è la fine di tutto, non è vero che la vita non ha senso! Noi siamo testimoni del bene, della vita senza fine, siamo qui per guadagnarcela. Se cerchiamo con tutte le forze di essere suoi testimoni, testimoni del suo amore che egli riversa nei nostri cuori, quell'amore sarà in noi veramente perfetto e la sua pace, la pace che egli ci dona, dimorerà in noi.
(Padri Silvestrini)
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Dom Apr 15, 2018 9:17 am

A volte Gesù si nasconde ai nostri occhi per far luce sulla nostra fede ancora di più. I discepoli di Emmaus lo riconoscono allo spezzare del pane e solo allora capiscono che era Lui, poi quando appare agli Undici spiega loro tutte le Scritture perchè capiscano che il Cristo doveva patire ciò che ha sofferto per dare compimento a ciò che era scritto su di Lui.
sunny
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Lun Apr 16, 2018 9:51 am

VANGELO
Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni 6,22-29
Il giorno dopo, la folla, rimasta dall'altra parte del mare, vide che c'era soltanto una barca e che Gesù non era salito con i suoi discepoli sulla barca, ma i suoi discepoli erano partiti da soli. Altre barche erano giunte da Tiberìade, vicino al luogo dove avevano mangiato il pane, dopo che il Signore aveva reso grazie. Quando dunque la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono di là dal mare e gli dissero: «Rabbì, quando sei venuto qua?». Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell'uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo». Gli dissero allora: «Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio?». Gesù rispose loro: «Questa è l'opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato».
Parola del Signore

OMELIA
Nel Signore risorto l'umanità è riportata alla speranza, speranza eterna, che a causa del peccato si era spenta. L'avvenimento della Pasqua riguarda tutti gli uomini. In Gesù tutti ritrovano il senso compiuto della loro esistenza. Questa speranza cresce ogni volta che celebriamo e riceviamo il sacramento di salvezza: l'eucaristia, dove la Pasqua di Gesù si ripresenta e diviene efficace. Nella prima lettura incontriamo il diacono Stefano. Opera in lui la forza, la grazia e il potere di Gesù risorto, con il quale è crollato l'antico mondo dei segni sacri. Gesù è il nuovo luogo sacro (tempio, altare, sacrificio, sacerdote), il compimento delle antiche tradizioni. Purtroppo, la testimonianza coraggiosa e chiara di Stefano non suscita accoglienza ma reazione. È il terribile mistero della nostra libertà che si può opporre all'annunzio del vangelo. È Gesù Cristo che dobbiamo accogliere nella fede. Chi crede, già assimila Gesù come Pane di vita.
(Padri Silvestrini)

avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Lun Apr 16, 2018 9:54 am

Gesù non è venuto a cibarci solo del nutrimento materiale ma di quello spirituale che viene da Dio, nel quale Dio stesso ha messo il suo sigillo, e per averlo bisogna credere con tutta la propria fede in Gesù, il Figlio di Dio che è venuto sulla terra per darci il pane eterno che ci dà la vita eterna.
sunny
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Mar Apr 17, 2018 1:15 pm

VANGELO
Non Mosè, ma il Padre mio vi dà il pane dal cielo.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni 6,30-35
In quel tempo, la folla disse a Gesù: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: "Diede loro da mangiare un pane dal cielo"». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo». Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane». Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!».
Parola del Signore.

OMELIA
«Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: "Diede loro da mangiare un pane dal cielo"». Cristo Gesù è il segno del Dio vivente, l'immagine visibile del Padre. In questi giorni lo contempliamo risorto e già sappiamo che egli ha compiuto fino in fondo l'«opera» della nostra redenzione. Nessun segno è però efficace per chi non vuole credere; si diventa capaci di rinnegare l'evidenza e di stravolgere la verità anche quando è proclamata dallo stesso Signore. È l'eterno problema di tutti coloro che vogliono le opere e i segni divini realizzati secondo le dimensioni della ragione umana e ciò perché colpevolmente incapaci di vedere con l'occhio della fede. La stessa lettura della Parola di Dio diventa motivo di contestazione delle sue eterne verità. I segni e le opere di cui parla l'evangelista Giovanni vanno letti alla luce della fede e servono ad alimentarla ed accrescerla. La manna nel deserto era solo una figura di una realtà che troverà proprio in Cristo la piena attuazione: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo». Cristo si proclama «Pane vero» e «Pane di Dio» perché con la sua opera, con la sua venuta tra noi, ha sfamato definitivamente l'umanità, dando la vita per noi. Si è lasciato letteralmente divorare dalla ferocia degli uomini, immolandosi come vittima sull'altare della croce per darsi poi per sempre sugli altari del mondo. Sei ci riscopriamo ancora affamati, vittime delle nostre brame, invasati dalle nostre rabbie è perché restiamo digiuni di quel pane di vita, che rimane rinchiuso e carcerato nei tabernacoli delle nostre chiese. La promessa di Gesù conserva integra la sua validità: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà più sete». Questo è il segno per eccellenza, questa è la fonte inesauribile della nostra interiore vitalità, solo Lui può saziare la nostra fame e la nostra sete. Per Lui tutto è già compiuto, per noi ancora è l'ascesa, ma con la forza del suo pane. (Padri Silvestrini)
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Mar Apr 17, 2018 1:20 pm

Gesù dice che non è stato per opera di Mosè se i padri dei suoi interlocutori hanno avuto la manna nel deserto, ma è il Padre Suo che gliela dava, ma il vero pane del Cielo è Lui e chi mangia questo pane non avrà bisogno di nient'altro nella vita perchè Gesù, la Sua Parola, il Suo esempio di vita, è tutto e non si ha bisogno di niente di materiale perchè Lui è il Tutto.
cherry
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Mer Apr 18, 2018 9:56 am

VANGELO
Questa è la volontà del Padre: che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni 6,35-40
In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! Vi ho detto però che voi mi avete visto, eppure non credete. Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, io non lo caccerò fuori, perché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato. E questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma che lo risusciti nell'ultimo giorno. Questa infatti è la volontà del Padre mio: che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; e io lo risusciterò nell'ultimo giorno».

Parola del Signore.

OMELIA
Vedere Cristo è abbracciarlo prima con la fede e poi con tutta la nostra vita. È l'intensità del suo amore, è il bisogno di comunione che ci consente di fonderci con lui. Noi vediamo solo un po' di pane e poche gocce di vino, ma, illuminati dalla fede, sappiamo la storia che narrano e racchiudono. Un mistero che si svela solo con l'esperienza, quando la sua e la nostra storia, trovano costanti punti di somiglianza e motivi di comunione, quando sentiamo che, nutriti del corpo e del sangue di Cristo, sorbiamo germi viventi di immortalità e di risurrezione. Più che fare comunioni il Signore ci invita ad essere e diventare eucaristia con Lui, già durante il faticoso ed aspro pellegrinaggio terreno. Ciò affinché la sua volontà si compia in noi ed Egli possa adempiere per tutti la volontà del Padre. Ci appare evidente che il piano della salvezza e i frutti della redenzione si possono attuare efficacemente in noi solo a condizione che la vita del risorto si trasfonda in ciascuno di noi per mezzo di quel pane, che è la stessa carne di Cristo. Forse siamo ancora incantati e perplessi dinanzi ad una piccola ostia, troppo piccola per sfamare il mondo, troppo piccola per contenere tutta la storia di Cristo e tutta la storia dell'umanità, troppo piccola per essere il segno visibile reale di un amore infinito, piccola anche per poter essere garanzia di una vita nuova e caparra di salvezza eterna. Anche a noi capita di vedere senza credere, di mangiare senza nutrirci, di prendere ostie consacrate e sentire solo il sapore del pane o bere il suo sangue senza sentire fluire dentro la divinità. Eppure in ogni eucaristia Cristo ripete senza stancarsi mai che egli, per mandato del Padre, vuole la salvezza di tutti, vuole che tutti risorgano a vita nuova, tutti possano aspirare alla vita eterna nella beatitudine perfetta. Viviamo in una umanità denutrita, viviamo tra affamati e assetati, ma non siamo capaci di nutrirci di Dio, il pane rimane sulla mensa, viene carcerato nei piccoli tabernacoli e fuori si geme. Quel pane spezzato nella cena e fecondato sulla croce è da mangiare per vivere, per credere, per amare e per sentirsi amati. Sono le nostre urgenze: Egli ci attende per un banchetto di gioia. Siamo tutti invitati.
(Padri Silvestrini)
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Mer Apr 18, 2018 10:00 am

Chiunque vede Gesù vede il Padre e la missione che il Padre ha dato al Figlio: chi viene a Lui crede nel Padre, e Dio Onnipotente vuole salvare coloro che credono in Gesù attraverso di Lui, e chi crederà nell'operato del Figlio sarà beato agli occhi di Dio e sarà resuscitato nell'ultimo giorno.
sunny
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Gio Apr 19, 2018 9:08 am

VANGELO
Io sono il pane vivo, disceso dal cielo.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni 6,44-51
In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell'ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: "E tutti saranno istruiti da Dio". Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna. Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia. Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».
Parola del Signore.

OMELIA
I giorni pasquali hanno rivelato la grandezza dell'amore, che li ha suscitati: Cristo è morto ed è risorto a motivo della sua carità per gli uomini. Egli è il dono che il Padre ci ha fatto. Chiediamo di accogliere pienamente questo dono, così da essere intimamente sciolti dalla relazione con il male e di aderire non solo con l'intenzione e il proposito ma con la vita alla parola di Dio, che è Gesù stesso. Chi crede riceve Cristo, Pane vivo disceso dal cielo, riceve la sua carne data in sacrificio per la vita del mondo e quindi riceve la vita che preserva dalla morte. Riceviamo con fede l'Eucaristia. È la fede la prima condizione per prendere parte alla mensa del Signore, per stabilire un'intimità con Gesù il cui mistero è quello di essere il Figlio di Dio, inviato dal Padre.
(Padri Silvestrini)
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Gio Apr 19, 2018 9:11 am

Chiunque ascolta Gesù, ascolta il Padre che l'ha mandato e chi viene a Lui è perchè ha riconosciuto il Padre nel Figlio, e Lui vuole la salvezza degli uomini e la vita eterna attraverso il segno del pane che è il Suo stesso Corpo che Lui darà agli uomini che crederanno in Gesù e Lui li ricompenserà con la vita eterna.
I love you
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Ven Apr 20, 2018 9:57 am

VANGELO
La mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni 6,52-59
In quel tempo, i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?». Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell'uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno». Gesù disse queste cose, insegnando nella sinagoga a Cafàrnao.
Parola del Signore.

OMELIA
Per chi non comprende, alla luce della fede, i significati reconditi dell'invito di Cristo a mangiare la sua carne e bere il suo sangue, gli interrogativi diventano pressanti ed ogni spiegazione risulterebbe inutile, paradossale e scandalosa. Gesù però, dinanzi alle discussioni dei soliti giudei nella sinagoga di Cafarnao, non intende minimizzare affatto il suo messaggio, anzi lo rende ancora più incalzante: «In verità, in verità vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell'uomo e non bevete il suo sangue, non avrete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno». Non c'è più scampo ad equivoci: è questione di vita o di morte; la vita del mondo, la vita di ogni uomo è ormai indissolubilmente legata a quel cibo divino. E non solo la vita presente, ma anche la nostra eternità e la nostra risurrezione dipendono ancora da quell'intima comunione che Cristo vuole stabilire con ognuno di noi. «Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue dimora in me e io in lui». Dimorare in Dio, essere certi che Cristo vive in noi, deve dunque diventare la suprema aspirazione dell'uomo; il Signore Gesù paragona la comunione che intende stabilire con noi con quella di cui egli stesso gode con il Padre celeste. Si tratta quindi di una comunione piena, di vita, di amore, di condivisione intima e totale. Credo che questo contrasti notevolmente con le nostre comunioni spesso episodiche e fugaci. Anche il nostro linguaggio ci tradisce: noi siamo soliti dire che facciamo la comunione e raramente osiamo esprimere l'impegno cristiano di stare in piena comunione con Cristo in modo stabile, continuo, crescente. Dobbiamo ammettere che siamo ben lungi da quanto Cristo ci propone in campo eucaristico: la dottrina che l'evangelista Giovanni ci va offrendo in questi giorni ci rende sempre più consapevoli di come e quanto sia stata svilita nei suoi valori essenziale e vitali. Forse proprio in questa mutilazione dottrinale e pratica troviamo la spiegazione delle numerose e prolungate assenze di tanti cristiani dalle nostre Messe. Non siamo ancora riusciti a far comprendere l'intimo legame che Gesù voleva stabilire con la vita di ciascuno di noi. È ancora, per nostra colpa, assente dal mondo, dalle nostre vicende, dalle nostre storie... è ancora chiuso nei tabernacoli o relegato nei cieli!
(Padri Silvestrini)
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Ven Apr 20, 2018 10:01 am

I Giudei non capiscono le parole di Gesù, e Lui dice che chi non si nutrirà di Lui, cioè della Santa Eucarestia dono che Gesù fà agli uomini non ha la vita eterna perchè non è in comunione con Lui. Come il Padre agisce verso il Figlio, così anche chi si nutre del vero pane avrà diritto alla vita eterna.
Smile
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Sab Apr 21, 2018 8:44 am

VANGELO
Da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni 6,60-69
In quel tempo, molti tra i discepoli di Gesù, dopo aver ascoltato, dissero: “Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?”. Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano riguardo a questo, disse loro: “Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell'uomo salire là dov'era prima? È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita. Ma tra voi vi sono alcuni che non credono”. Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E diceva: “Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre”. Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui. Disse allora Gesù ai Dodici: “Volete andarvene anche voi?”. Gli rispose Simon Pietro: “Signore, da
chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio”.
Parola del Signore.

OMELIA
Che dinanzi al discorso del Pane di vita entrassero in crisi i giudei, dichiarati nemici di Cristo, potrebbe anche risultare comprensibile, anche se sempre colma di amarezza il rifiuto di un dono dato con immenso amore. Oggi Gesù sperimenta il mormorio esteriore ed interiore dei suoi discepoli: “Questa 0parola è dura! Chi può ascoltarla?”. Egli interviene ancora per cercare di illuminare le loro menti: “È lo Spirito che dá la vita, la carne non giova a nulla; le parole che vi ho dette sono spirito e vita”. Non si tratta quindi di cannibalismi, ma di assumere, nel pane e nel vino, lo Spirito che dà vita, la divinità, l'amore, la santa energia che ci rigenera. Se si rimane ancorati alla fisicità della carne e del sangue e non si è capaci di trascendere con la luce della fede per vederne i valori eterni, l'eucaristia non può essere compresa. Nei segni sacramentali noi scorgiamo la pienezza dell'amore di Dio, che non è più solo dichiarato ed offerto con la verità delle sue parole, ma nella carne e nel sangue del figlio suo, immolato per noi e per tutti, per la remissione dei peccati. Soltanto l'esperienza ci può convincere della sublimità del dono e solo
quando sentiamo realmente Cristo in noi diventiamo capaci di squarciare i veli del mistero eucaristico. Molti dei suoi discepoli però abbandonano Gesù: la sua dottrina non è piuùaccessibile alle loro menti, la sua stessa credibilità viene messa in gioco. Rimangono i dodici, ma anche a loro il Signore, chi sa con quanta sofferenza, deve rivolgere un interrogativo: “Forse anche voi volete andarvene?”. Queste parole, che risuonano come il flebile lamento dell'amore incompreso, denunciano tutti gli abbandoni e tutte le assenze che, nel corso dei secoli, i “suoi” avrebbero fatto nei confronti della sua mensa divina. È l'amara delusione dello sposo che non vede arrivare gli invitati al banchetto delle sue nozze, che non vede entrare nella sua chiesa coloro che si professano cristiani; rimangono fuori, digiuni e affamati. È sicuramente consolante per Cristo la confessione di Pietro: “Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna; noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio”; in questo contesto però, e non a caso, Gesù ricorda agli apostoli il privilegio per essere stati scelti da lui, ma denuncia anche il tradimento di uno di loro. Può capitare che il primo assente dalla mensa sia proprio il celebrante!
(Padri Silvestrini)
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Sab Apr 21, 2018 8:47 am

Gesù con la metafora del suo corpo da mangiare e il suo sangue da bere, desta l'incomprensione dei discepoli che a poco a poco se ne vanno. Gli unici che rimangono con Lui sono i Dodici che anche se non capiscono fino in fondo le sue parole sanno che Gesù è il Santo di Dio e che solo Lui ha parole di vita eterna, come dice Pietro a nome di tutti.
scratch
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Sab Apr 21, 2018 3:06 pm

Molti dei suoi discepoli, dopo aver ascoltato, dissero: “Questa parola è dura! Chi può ascoltarlo?’.’
È vero, Gesù, la tua parola è difficile e metterla in pratica è molto ostico, certe volte è incomprensibile, ma una cosa è certa senza l'aiuto dello Spirito Santo non potremmo capirti, ma tu vuoi che ci fidiamo di te, senza se ne ma, ci chiedi di confidare solo sulla tua parola. Durissima per l’uomo di ogni tempo, ma sono passati più di 2000anni e tu sei lì che paziente ci aspetti, perché le tue vie non sono le nostre vie, il tuo tempo è l'eternità...e ci attendi.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3338
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Dom Apr 22, 2018 9:25 am

VANGELO
Il buon pastore dà la propria vita per le pecore.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni 10,11-18
In quel tempo, Gesù disse: "Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. Il mercenario - che non è pastore e al quale le pecore non appartengono - vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; perché è un mercenario e non gli importa delle pecore. Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore. Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio".
Parola del Signore.

OMELIA
Gesù si propone come il buon Pastore. Subito ci appare una bella icona. Suggerisce aperte campagne con pascoli rigogliosi in un ambiente invitante. Tutto in un clima rilassante. Il contatto con la natura propone una simbiosi che allarga lo spirito. Le pecore sono al sicuro, proprio perché c'è il pastore, il buon pastore che vigila costantemente. Gesù prende molto spesso spunto dalla natura per fornire delle immagini che vanno però ben oltre la realtà che Egli richiama. Il buon pastore di Gesù dona la sua vita per le sue pecore. È un gesto generoso, di vero e puro amore; significa donazione completa. Gesù, però non è mai banale nelle sue affermazioni; pone sempre una questione che va oltre. Richiede da noi molta attenzione. Il Buon Pastore dona la sua vita non semplicemente come gesto supremo di amore. Gesù proclama la sua divinità quando dice che Lui stesso ha il potere di offrire la sua vita, per poi riprenderla. Gesù è l'autore della vita; è la Vita stessa. È una dichiarazione ma anche un annuncio ed una profezia sul suo Mistero Pasquale. La sua Passione e Resurrezione non sono, allora, eventi tragici ed ineluttabili di una missione impossibile. Non è lo scontrarsi nella realtà terrena di un piano divino. Non è un infrangersi di una missione preparata da tempo. Il Mistero Pasquale è nella logica di Dio non nella logica dell'uomo. È donazione completa che essendo divina è condivisa dal Padre, come Donatore e dal Figlio, come Donato nello Spirito. È un mistero profondo che è trinitario e che non trova sbavature tra il comando del Padre e l'obbedienza del Figlio; due realtà che coincidono. Non c'è abbandono, non c'è dimenticanza nella Croce; anzi nel silenzio del Padre è presente tutta l'opera Trinitaria. Gesù si proclama vero Dio con l'immagine del Pastore. Non è un Dio nascosto e lontano; le sue pecore conoscono la sua voce. Gesù china la divinità all'uomo per comunicare questo amore infinito; custodisce, difende le sue pecore. Parla loro con amore, infonde fiducia e coraggio. La sua voce è rassicurante; le pecore quando sentono la voce amica del Buon pastore sanno che ormai possono essere tranquille. Gesù si mostra vicino agli uomini; si proclama vero Dio e vero uomo, proprio perché in Lui albergano veri sentimenti umani. Ascoltiamo la sua voce, accettiamo questo Dono di infinito amore per metterci accanto a Lui nella Morte e resurrezione. Sentiamoci veramente sicuri e protetti dalla sua Guida, che ami prevarica sull'uomo.
(Padri Silvestrini)
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Dom Apr 22, 2018 9:28 am

Gesù è il Buon Pastore delle nostre anime, perchè Lui e solo Lui dà la sua vita per le sue pecore, non è come un mercenario che appena vede il Maligno fugge e le pecore si disperdono, Lui non è così. Dà la vita per le sue pecore ed esse lo seguono perchè sanno di potersi fidare del suo divino Amore.
I love you
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Lun Apr 23, 2018 11:24 am

VANGELO
Io sono la porta delle pecore.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni 10,1-10
In quel tempo, Gesù disse : «In verità, in verità io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un'altra parte, è un ladro e un brigante. Chi invece entra dalla porta, è pastore delle pecore. Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori. E quando ha spinto fuori tutte le sue pecore, cammina davanti a esse, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce. Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei». Gesù disse loro questa similitudine, ma essi non capirono di che cosa parlava loro. Allora Gesù disse loro di nuovo: «In verità, in verità io vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e
troverà pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza».
Parola del Signore.

OMELIA
«In quei giorni, gli apostoli e i fratelli che stavano nella Giudea vennero a sapere che anche i pagani avevano accolto la parola di Dio». E' lo Spirito Santo che si rivolge a Pietro per dare alle chiese via libera alla sua dimensione universale: dapprima in una visione straordinaria, di cui Pietro stesso coglie l'interpretazione, e poi facendogli constatare che anche i pagani, proprio come i discepoli del Signore, possono accogliere i doni dello Spirito. Tutti sono chiamati a convertirsi e a riceverlo in dono, come in una Pentecoste continuata, che non si deve, non potremo mai impedire. Pietro è il ministro di questa evangelizzazione, di questo dono universale dello spirito di Gesù risorto. L'immagine delicata del pastore, ha però una incidenza grave: il potere non si accontenta di dare la vita: ma dà "la sua vita". È lui a guidare i credenti. Ma egli si presenta anche come la porta delle pecore attraverso la quale esse passano per entrare nell'ovile e per uscire al pascolo. Vita per vita è la risposta del cristiano sino in fondo.
(Padri Silvestrini)
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Lun Apr 23, 2018 11:27 am

Gesù dice che chi non entra nel recinto delle pecore è un ladro o un brigante mentre Lui che è il Buon Pastore è la porta che conduce alle pecore, cioè a noi. Gesù è venuto sulla terra perchè vuole essere l'unico Pastore delle nostre anime, è Lui che ci ama e ci chiama per nome e dà la vita per chi crede in Lui e chiunque ha fede nel Buon Pastore abbia la vita eterna.
cheers
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Lun Apr 23, 2018 4:40 pm

Gesù Cristo è l'unica porta attraverso la quale possiamo entrare per rimanere con Dio. in nessun altro nome c'è la salvezza e la gioia, in nessun altro il senso della nostra vita.
Gesù ci conduce al Padre, ogni volta che lo desideriamo. Entreremo, usciremo e troveremo pascolo. Senza Gesù, noi non sapremmo nemmeno immaginare com’è il volto di questo Dio.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3338
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Giovanna Maria il Mar Apr 24, 2018 9:15 am

VANGELO
Io e il Padre siamo una cosa sola.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni 10,22-30
Ricorreva, in quei giorni, a Gerusalemme la festa della Dedicazione. Era inverno. Gesù camminava nel tempio, nel portico di Salomone. Allora i Giudei gli si fecero attorno e gli dicevano: «Fino a quando ci terrai nell'incertezza? Se tu sei il Cristo, dillo a noi apertamente». Gesù rispose loro: «Ve l'ho detto, e non credete; le opere che io compio nel nome del Padre mio, queste danno testimonianza di me. Ma voi non credete perché non fate parte delle mie pecore. Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano. Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola».
Parola del Signore.

OMELIA
Gesù è il Messia: non lo ha ancora compreso chi non appartiene a lui, perché privo della disponibilità della fede. La domanda preoccupata: "tu chi sei?" è quella che il mondo attuale seguita a rivolgere a lui. La risposta di Gesù è piena di evidenza e di naturalezza: non dottrine elaborate, ma l'evidenza delle opere sue ed una immagine umile e familiare. Gesù non è un dio strano e stravagante: è la realtà dell'amore di Dio Padre iscritta nel contesto della nostra vita umana. Il cristiano di oggi è spesso in situazione di diaspora: non sa a quale chiesa o diocesi, o parrocchia appartiene. È una situazione propria alla seminagione fra i pagani di oggi, i fratelli lontani. Ma il cristiano dovrebbe preoccuparsi di visitare la chiesa locale cui è più vicino per "stare", con sicurezza, fondato, sulla chiesa apostolica. Per la prima volta ad Antiochia i discepoli sono chiamati "cristiani": una denominazione che è insieme una qualifica e un programma di vita, perché cristiano significa: di Cristo.
(Padri Silvestrini)
avatar
Giovanna Maria

Numero di messaggi : 2436
Età : 40
Località : Bisceglie
Data d'iscrizione : 20.09.11

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 14 di 18 Precedente  1 ... 8 ... 13, 14, 15, 16, 17, 18  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum