VANGELO di Gesù: anno B

Pagina 19 di 22 Precedente  1 ... 11 ... 18, 19, 20, 21, 22  Seguente

Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Sab Lug 07, 2018 3:29 pm

Gesù, discute con i discepoli del Battista riguardo al digiuno che gli Apostoli non osservano. Gesù vuole sottolineare la gioia della presenza del Messia. Spesso l'essere cristiani viene associato a sacrifici, digiuni, momenti di preghiere silenziose, quasi tristi. A volte siamo proprio noi a vivere così il rapporto con il Signore pensando che sia lì, pronto a giudicarci se non ci “comportiamo bene”.  Spesso ci dimentichiamo che la sua persona ci rallegra e rasserena i nostri cuori.
Per fortuna Gesù, con le sue parole, ci dimostra che, essere cristiani significa vivere con gioia, non effimera ma una gioia piena, totale, che cambia completamente la nostra esistenza. 
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

LUNEDI' della XIV SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Lun Lug 09, 2018 1:25 pm

VANGELO
Mia figlia è morta proprio ora; ma vieni ed ella vivrà.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 9,18-26

In quel tempo, [mentre Gesù parlava,] giunse uno dei capi, gli si prostrò dinanzi e disse: «Mia figlia è morta proprio ora; ma vieni, imponi la tua mano su di lei ed ella vivrà». Gesù si alzò e lo seguì con i suoi discepoli. Ed ecco, una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni, gli si avvicinò alle spalle e toccò il lembo del suo mantello. Diceva infatti tra sé: «Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò salvata». Gesù si voltò, la vide e disse: «Coraggio, figlia, la tua fede ti ha salvata». E da quell'istante la donna fu salvata. Arrivato poi nella casa del capo e veduti i flautisti e la folla in agitazione, Gesù disse: «Andate via! La fanciulla infatti non è morta, ma dorme». E lo deridevano. Ma dopo che la folla fu cacciata via, egli entrò, le prese la mano e la fanciulla si alzò. E questa notizia si diffuse in tutta quella regione.
Parola del Signore.

OMELIA

La liturgia della Parola ci introduce nel cuore stesso di Dio. Egli si mostra sposo anche quando l'uomo gli volta le spalle. La testimonianza di un amore così intimo e proclamato con insistenza fa meraviglia trovarlo proprio nei profeti dell'Antico Testamento. Eppure questa intensa intimità di vita tra Dio e la sua creatura, quale corre tra sposo e sposa, è una realtà sorprendente per noi così avari nel rispondere all'amore del Padre. E il Vangelo sembra confermare quanto viene annunziato dal profeta. Gesù si presenta pieno di misericordia verso la donna affetta da emorragia e verso la figlia di Giaìro, capo della sinagoga. Sono due miracoli strappati dalla fede della donna: "Basta che tocchi il suo mantello..." e di Giaìro: "Mia figlia è morta proprio ora; ma vieni, imponi la mano sopra di lei e essa vivrà." E' lo sposo annunziato da Osèa che è "in azione". Egli è lo sposo della donna inferma che viene guarita per la sua fede, del padre disperato per la perdita della figlia alla quale Gesù ordina di alzarsi, prendendola con singolare benevolenza per mano, quale gesto di infinito amore. La riflessione ci induce a considerare il nostro Dio non lontano dalla nostra vicenda umana con tutte le sue complicazioni. La potenza dell'Altissimo e la misericordia di Gesù non si sono esaurite. In ogni circostanza, la piena fiducia in Lui, nostro sposo e la assoluta confidenza nel suo amore, saranno capaci di liberarci da situazioni di imbarazzo. (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Lun Lug 09, 2018 1:47 pm

Anche in questo brano, Matteo evidenza l'aspetto della fede, intesa come abbandono dell'uomo alla potenza di Gesù. 
La fede trae la sua forza dalla fiducia in Gesù. Guarendo la donna, Gesù le dà la salvezza, ma salva tutto il suo essere. Qui tutto è concentrato sul comportamento sovrano di Gesù. La frase: “La fanciulla dorme” riprende l’immagine diffusa del “sonno della morte”, ma la trasforma in un annuncio di risurrezione. Gesù richiama la fanciulla alla vita. Giaro, è così invitato ad aprirsi a una fede che va al di là della morte.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MERCOLEDI' della XIV SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Mer Lug 11, 2018 11:20 am

VANGELO
Voi che mi avete seguito, riceverete cento volte tanto.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 19,27-29

In quel tempo, Pietro disse a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell'uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d'Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna».
Parola del Signore.
OMELIA
San Benedetto Abate. Ci fa da guida in questo giorno particolarmente solenne la splendida immagine evangelica della vite e dei tralci. La leggiamo nel contesto monastico e ci lasciamo guidare dallo stesso Patriarca S. Benedetto. Egli con un linguaggio altamente teologico e biblico vede la vita del monaci come un faticoso e gioioso "ritorno" a Dio, da cui ci eravamo allontanati per la disobbedienza. Il ritorno, come accadde al popolo d'Israele, implica una liberazione dalla schiavitù, un passaggio attraverso le acque del mare rosso, un lungo percorso nel deserto e l'approdo finale nella terra promessa. È un cammino di conversione e di salvezza, è un prodigioso innesto alla vite nuova che è Cristo. È la splendida esperienza di veder rinverdita l'esistenza, è ancora una gioiosa corsa verso Cristo con "il cuore dilatato". La vita del monaco, ma ciò vale anche per ogni cristiano, mediante l'ascolto, la preghiera, la lettura sapienziale della parola di Dio, la ricerca incessante della perfezione e la sequela di Gesù, è proposta e vissuta come una gioiosa esperienza pasquale. Ciò scaturisce come naturale esigenza dell'innesto alla vite: per essere con Cristo dobbiamo essere disposti a seguirlo coraggiosamente ovunque, fino alla croce, fino al sepolcro per avere così la certezza che l'innesto ha prodotto il suo splendido frutto, la vita nuova in Cristo, la nostra personale risurrezione. In questa prospettiva la preghiera e il lavoro, che scandiscono essenzialmente la vita del monaco, ma che ogni cristiano in situazioni diverse sperimenta quotidianamente, diventano motivi di fecondità e di gioia. La sua Regola, non solo ha ispirato ed ispira ancora la vita di migliaia di monaci in ogni parte del mondo, ma ha fatto il suo ingresso in ogni ambiente, nelle famiglie, nelle caserme, ultimamente nelle fabbriche e ovunque si trovano adunate persone che cercano un sano equilibrio nelle mutue relazioni e una vera santificazione del lavoro; per questo le Abbazie e i Monasteri a loro volta si stanno aprendo sempre più all'accoglienza per operare un nuovo e vitale innesto tra la vita del mondo e quella dei consacrati. Per ricordare e rinsaldare questo innesto, già operato gloriosamente nei secoli passati, S. Benedetto è stato proclamato meritatamente Patrono d'Europa. Anche questo è un innesto che deve però trovare ancora la piena realizzazione in altre realtà della vita sociale. Molti, pare, vogliano ignorare le radici storiche e religiose che hanno evangelizzato e civilizzato la nostra Europa. Speriamo di non dover constatare che il distacco dalla vite feconda non riduca i tralci alla essiccazione e alla sterilità. (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Mer Lug 11, 2018 11:27 am

... Siamo certi, grazie a Gesù, che questa strada conduce alla fine alla risurrezione, alla vita piena e definitiva con Dio. Decidere di seguire Lui, il nostro Maestro e Signore che si è fatto Servo di tutti, esige di camminare dietro a Lui e di ascoltarlo attentamente nella sua Parola – ricordatevi: leggere tutti i giorni un passo del Vangelo – e nei Sacramenti. (Angelus, 13 settembre 2015)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

GIOVEDI' della XIV SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Gio Lug 12, 2018 11:19 am


VANGELO
Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 10,7-15

In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli: «Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. Non procuratevi oro né argento né denaro nelle vostre cinture, né sacca da viaggio, né due tuniche, né sandali, né bastone, perché chi
lavora ha diritto al suo nutrimento. In qualunque città o villaggio entriate, domandate chi là sia degno e rimanetevi finché non sarete partiti. Entrando nella casa, rivolgetele il saluto. Se quella casa ne è degna, la vostra pace scenda su di essa; ma se non ne è degna, la vostra pace ritorni a voi. Se qualcuno poi non vi accoglie e non dà ascolto alle vostre parole, uscite da quella casa o da quella città e scuotete la polvere dei vostri piedi. In verità io vi dico: nel giorno del giudizio la terra di Sòdoma e Gomorra sarà trattata meno duramente di quella città».
Parola del Signore.

OMELIA

Dalla lettura superficiale e incompleta della Bibbia ci si può fare facilmente l'idea di un Dio severo, sempre pronto a punire il peccato del suo popolo. Mentalità forse giustificata dai tanti fatti di sangue che leggiamo nella bibbia, giudicati con la nostra mentalità, fuori del contesto storico degli avvenimenti. Il profeta Osea ci offre invece oggi l'immagine di un Dio pieno di bontà e di misericordia, proprio come un padre ricolmo di tenerezza verso la sua creatura. Ci descrive un gesto che si ripete tante volte anche nella vita familiare. Il padre che accompagna il suo bambino tenendolo affettuosamente per mano è convinto di non perdere in dignità con questo atto così affettuoso e umano. Ancora, quante volte siamo testimoni di atti di amore dei padri quando si abbassano alla piccolezza del bambino per sollevarlo fino all'altezza del loro volto per stampare sulla sue guance un forte bacio d'amore! Così viene presentato il Signore volendo annunziare a Èfraim cioè a tutto l'Israele che il suo animo è più proclive al perdono che alla vendetta, all'amore che all'odio, alla accoglienza che al rifiuto. Questo atteggiamento di bontà si sviluppa nel vangelo in modo meraviglioso. Anzi, tutte le pagine della Buona Novella sono un inno all'amore di Dio verso l'umanità. La storia della salvezza è una storia di amore del Padre verso la sua creatura per la cui salvezza non esita di mandare tra di noi il suo unico Figlio. Questo amore si manifesta in concreto in diversi modi: Annunzio della salvezza che si opera mediante l'avvento del regno di Dio, la sanità fisica, comunicata mediante guarigioni prodigiose, segno e annunzio della salvezza totale dell'uomo. E' così importante l'accoglienza della parola di salvezza che esige da parte degli evangelizzatori una condotta coerente con quanto annunziano: Non ricerca di ricchezze, di vantaggi e favori umani, ma piena fiducia anche per le necessità materiali in Colui che li invia e da parte degli evangelizzati una accoglienza libera da ogni pregiudizio. Il rifiuto è tragico: un giudizio più severo di quello che ha condotto alla distruzione Sòdoma e Gomòrra. (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Gio Lug 12, 2018 1:39 pm

Il brano di oggi si apre sull'invio in missione dei discepoli. I Dodici, nuovo Israele, continuano la doppia attività di Gesù: Insegnamento e guarigioni, ricevendo da Lui stesso il modo di come si devono comportare, la missione sarà segnata dalla gratuità e dalla completa fiducia in Dio.
Dio ci ama senza chiederci nulla. E’ questo il senso delle parole “gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date”, perché il frutto della missione sarà la pace.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

VENERDI' della XIV SETTIMANA del TMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Ven Lug 13, 2018 10:33 am


VANGELO
Non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 10,16-23

In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli: «Ecco: io vi mando come pecore in mezzo a lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe. Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti a governatori e re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. Ma, quando vi consegneranno, non preoccupatevi di come o di che cosa direte, perché vi sarà dato in quell'ora ciò che dovrete dire: infatti non siete voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi. Il fratello farà morire il fratello e il padre il figlio, e i figli si alzeranno ad accusare i genitori e li uccideranno. Sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato. Quando sarete perseguitati in una città, fuggite in un'altra; in verità io vi dico: non avrete finito di percorrere le città d'Israele, prima che venga il Figlio dell'uomo».
Parola del Signore.

OMELIA
Sembra che Osea voglia entrare nei sentimenti di quanti, anche oggi si presentiamo al confessore, per ottenere il perdono dei propri peccati. E' necessario un esame di coscienza per capire dove e quando abbiamo mancato nelle relazioni con il Signore, con il prossimo e con noi stessi. "Preparate le parole da dire e tornate al Signore". Noi però ben sappiamo che non basta riconoscere il peccato commesso, ma occorre il pentimento che è grande dono di Dio. Per cui il profeta ci fa dire rivolti a Lui: "Togli ogni iniquità: accetta ciò che è bene...". La nostra confessione molte volte è parziale non tanto per volontà quanto per impossibilità. Chi può ricordare tutti i propri peccati dopo settimane, mesi e anni dall'ultima confessione? Allora in questa incapacità di ricordare e confessare tutte le colpe, chiediamo al Signore, Lui che conosce le profondità del nostro cuore, di perdonare tutte le nostre colpe, quelle confessate e quelle dimenticate. I frutti del perdono di Dio sono descritti dal profeta in benefici materiali, in una visione di vita tranquilla con tutto lo splendore della natura che rallegra il cuore dell'uomo. Sono anche i frutti di una confessione fatta bene: Quanta pace diffonde nel cuore la certezza del perdono ottenuto e la riacquistata tranquillità di coscienza! Quando si vive in questo stato di serenità, con Dio nel cuore, si ha anche il coraggio di andare incontro a persecuzioni, a privazioni e perfino alla morte. Il vangelo ci avverte che spesso non sono solo i nemici a condurci dinanzi ai tribunali, ma anche parenti e familiari. Senza dubbio il cuore sanguina... ma dallo Spirito Santo viene una forza che fa superare tutti i sentimenti umani, anche quelli più sacri, per rendere testimonianza alla verità, perché "non siete infatti voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi". Confortati e sostenuti da questo Spirito, giustamente Paolo poteva gridare: "Nulla potrà separarci dall'amore di Dio!". (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Sab Lug 14, 2018 4:24 pm

Appartenere a Cristo essere suoi discepoli, ci porta a non essere ben accettati dal mondo, per la diversità dei nostri ideali.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

SABATO della XIV SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Sab Lug 14, 2018 4:28 pm

VANGELO
Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 10,24-33

In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli: «Un discepolo non è più grande del maestro, né un servo è più grande del suo signore; è sufficiente per il discepolo diventare come il suo maestro e per il servo come il suo signore. Se hanno chiamato Beelzebùl il padrone di casa, quanto più quelli della sua famiglia! Non abbiate dunque paura di loro, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all'orecchio voi annunciatelo dalle terrazze. E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l'anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l'anima e il corpo. Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri! Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch'io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch'io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli».
Parola del Signore.

OMELIA
La teofania in cui è coinvolto il profeta Isaia accende nel nostro spirito un desiderio forte dell'infinito. Nonostante la nostra indegnità, Dio si manifesta e la sua presenza getta l'animo nel timore, soprattutto se la nostra coscienza non è limpida. Ma Dio non viene a condannare, ma ridonare la dignità perduta e coinvolgerlo nell'annunzio della salvezza. Abbiamo però bisogno di una purificazione per poter leggere nei disegni di Dio. Ricordiamo: beati i puri di cuore perché vedranno Dio. Questa purificazione avviene per il profeta attraverso un carbone ardente che viene portato a contatto con le sue labbra. E' fuoco che brucia e purifica, simbolo senza dubbio del fuoco del pentimento. Ma c'è anche il fuoco della persecuzione che attende il discepolo del Signore che non può pretendere di essere superiore al Maestro che muore, incompreso e perseguitato in vita, condannato a una morte ignominiosa alla fine. Egli rassicura i suoi discepoli: nulla vi succederà che non sia permesso dal Padre vostro. E incoraggia a essere pronti a dare anche la vita per testimoniare la verità, spinti dall'amore del Signore ma anche dall'amore di coloro che li uccidono, volendo testimoniare, anche a prezzo della vita, la verità che annunziano. Oltre tutto per il cristiano morire è un bene perché ha una vita eterna che l'attende. Deve quindi temere non tanto chi gli toglie la vita quanto chi lo fa deviare dal retto sentiero, dalla sua fedeltà a Cristo e al vangelo. La persecuzione moderna generalmente non toglie la vita a crede ma spesso li spinge a rinnegare la verità mediante "torture" psicologiche. E' per questo che tanti testimoni del Signore fanno la loro professione di fede in antecedenza e avvisano di non tener conto di quanto diranno sotto le torture che tendono a distruggere la personalità. Sono i martiri di oggi, straziati nel fisico e nella psiche. La nostra preghiera per questi nostri fratelli perché non venga mai meno in loro il coraggio e la forza dello Spirito Santo. (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Sab Lug 14, 2018 4:43 pm

Esseri discepoli di Gesù non è sempre facile, in questo mondo dove tutto scorre veloce, la testimonianza delle sue parole, rimane inascoltata...non abbiate paura ci dice: “ Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all'orecchio voi annunciatelo dalle terrazze”.  A noi, con semplicità di vita, resta il compito di annunciare al mondo il suo messaggio di Amore.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MARTEDI' della XV STTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Mar Lug 17, 2018 4:05 pm


VANGELO
Nel giorno del giudizio, Tiro e Sidòne e la terra di Sòdoma saranno trattate meno duramente di voi.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 11,20-24

In quel tempo, Gesù si mise a rimproverare le città nelle quali era avvenuta la maggior parte dei suoi prodigi, perché non si erano convertite: «Guai a te, Corazìn! Guai a te, Betsàida! Perché, se a Tiro e a Sidòne fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a voi, già da tempo esse, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, Tiro e Sidòne saranno trattate meno duramente di voi. E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai! Perché, se a Sòdoma fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a te, oggi essa esisterebbe ancora! Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, la terra di Sòdoma sarà trattata meno duramente di te!».
Parola del Signore.

OMELIA

Il rimprovero di Gesù consta di due immagini che egli mette in parallelo. Prima le due città della Galilea, Corazin (i Vangeli non dicono nulla di preciso sul miracolo che vi si sarebbe prodotto) e Betsaida (Gesù vi guarisce il cieco: Mc 8,22-26 ed è di là che vengono gli apostoli Filippo, Andrea e Simone), sono paragonate a due città empie: Tiro e Sidone. Poi Cafarnao (che fu a lungo teatro delle attività di Gesù) è paragonata a Sodoma, città distrutta da Dio (Gen 18,16- 19,29) a causa dell'immoralità dei suoi abitanti. In queste due immagini Gesù sottolinea l'opposizione: in realtà le città che hanno una reputazione particolarmente cattiva non sono così corrotte come quelle che non accettano il suo insegnamento e rifiutano di credere in lui nonostante i molti miracoli. Gesù è deluso perché gli abitanti di queste città non vogliono riconoscere le manifestazioni della sua potenza come segni voluti da Dio, né come la conferma della sua onnipotenza e della sua missione. Essi non vogliono semplicemente credere che Gesù sia il Messia promesso, il Salvatore definitivo degli uomini. Poiché essi gli rifiutano la loro fiducia, nel giorno del giudizio saranno in una posizione ben peggiore di quella degli empi. Ciò significa che, quando si manifesterà il regno di Dio, alla fine dei tempi, la mancanza di fede di quelle persone che sono state testimoni della potenza di Gesù meriterà loro una condanna peggiore. Dunque, tutti gli uomini che possono vedere in Gesù la realtà di Dio, ma non gli danno piena fiducia, nel giudizio vendicatore egli li condannerà. Se non si mettono a profitto i tempi della decisione giusta, non si sarà membri del popolo di Dio alla fine dei tempi.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Mar Lug 17, 2018 4:36 pm

Gesù nel Vangelo di oggi usa parole dure riguardo le città del lago: Corazin, Cafarnao e Betsaida: ”Gesù si mise a rimproverare le città nelle quali era avvenuta la maggior parte dei suoi prodigi, perché non si erano convertite”.
Ancora oggi nel mondo, ma anche noi stessi, a volte siamo distanti dall'accettare Gesù perché non comprendiamo i segni da lui compiuti, essi non sono fini a se stessi e non ci rendiamo conto che avvengono solo per manifestare chi egli E'.
Quando Dio ci invita a convertirci, è come se stesse chiedendo a ciascuno di noi:
”Chi vuoi essere?” Gesù è passato nella tua vita: lo hai riconosciuto?

avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

GIOVEDI' della V SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Gio Lug 19, 2018 10:30 am

VANGELO
Io sono mite e umile di cuore.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 11,28-30

In quel tempo, Gesù disse: «Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».
Parola del Signore.

OMELIA
Nel suo Vangelo san Matteo riporta una parola che rivela come Gesù intende la sua missione specifica, a chi si indirizza il suo messaggio e come questo trasforma la vita. Gesù non si rivolge agli uomini che sono sicuri di se stessi, che pensano di conoscere Dio e la sua volontà, e che si credono chiamati e autorizzati ad imporre agli altri le regole di una vita che piace a Dio. Gesù fa appello ai molti uomini che sono diventati "schiavi" e gemono sotto gli ordini e i comandamenti di questo mondo. La testa piegata e gli occhi bassi, essi camminano sotto il giogo che hanno loro imposto i dottori. Passo dopo passo, coscienti della propria limitatezza, nella timida speranza che Dio abbia pietà di loro. L'immagine del "giogo leggero", che non schiaccia gli uomini, rappresenta le direttive di vita che dà Gesù, e che si oppongono a quelle degli antichi dottori (ma non alla Bibbia dell'Antico Testamento). Gesù conosce il Padre come nessun altro. Sa come il Padre vuole che siano gli uomini. La vita di colui che impara da lui - che è mite e umile di cuore - cambia dal di dentro: egli trova riposo e sollievo.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Gio Lug 19, 2018 10:52 am

Il canto di lode di Gesù è allo stesso tempo un annunzio di salvezza per chiunque
accoglie con altrettanto stupore  e meraviglia l'amore del Padre. Gesù non viene come giudice implacabile,
ma offre un carico leggero da portare, e il suo invito è rivolto a tutti.“Venite a me voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro…” La sensazione di libertà che danno queste parole di Gesù ci fa particolarmente bene. Noi, che molto spesso siamo vittime di quel volerci caricare da soli dei pesi della vita, non ci rendiamo conto che il nostro vero problema non è credere che lui esista, ma smettere di vivere come se tutto dipendesse solo da noi
.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

VENERDI' della XV SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Ven Lug 20, 2018 10:13 am

VANGELO
Il Figlio dell'uomo è signore del sabato.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 12,1-8

In quel tempo, Gesù passò, in giorno di sabato, fra campi di grano e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere delle spighe e a mangiarle. Vedendo ciò, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare di sabato». Ma egli rispose loro: «Non avete letto quello che fece Davide, quando lui e i suoi compagni ebbero fame? Egli entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell'offerta, che né a lui né ai suoi compagni era lecito mangiare, ma ai soli sacerdoti. O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio vìolano il sabato e tuttavia sono senza colpa? Ora io vi dico che qui vi è uno più grande del tempio. Se aveste compreso che cosa significhi: "Misericordia io voglio e non sacrifici", non avreste condannato persone senza colpa. Perché il Figlio dell'uomo è signore del sabato».
Parola del Signore.

OMELIA
Noi comprendiamo male la legislazione del sabato del tempo di Gesù. Bisogna studiare assai il suo contesto prima di capirla. Ma ciò che ci si impone, è la sovranità con la quale Gesù si oppone a tutte le prescrizioni, dando come vero criterio la misericordia. È insensato vietare a un affamato di mangiare, qualsiasi siano gli argomenti addotti. Ed è altrettanto insensato sacrificarsi per amore del sacrificio. Incriminare le persone che trasgrediscono la legge senza conoscere i loro motivi non ha senso. La vita ha troppe sfaccettature per chiuderla in paragrafi. Siamo dei libertini? No, finché l'istinto della fame non si trasforma in egoismo brutale. Se il nostro cuore rimane tenero nei confronti delle persone che ci vivono vicino, Dio non ci rifiuterà la tenerezza del suo cuore: egli non ama che siamo sotto tutela. E quando i figli hanno fame, forse che i genitori pensano per prima cosa a discutere questo o quello?
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Ven Lug 20, 2018 10:31 am

Gesù parla chiaro: il sabato è il giorno del Signore per la vita dell'uomo. All'eccessivo legalismo, Matteo contrappone ancora la misericordia di Gesù, presentato come il servo del Signore. E' nella persona di Gesù che si incarnano i valori ebraici del sabato e del tempio. Se non ci sarà Amore nell'applicare la legge, non sarà mai una legge al servizio dell'uomo.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

SABATO della XV SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Sab Lug 21, 2018 10:33 am


VANGELO
Impose loro di non divulgarlo, perché si compisse ciò che era stato detto.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 12,14-21


In quel tempo, i farisei uscirono e tennero consiglio contro Gesù per farlo morire. Gesù però, avendolo saputo, si allontanò di là. Molti lo seguirono ed egli li guarì tutti e impose loro di non divulgarlo, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa: «Ecco il mio servo, che io ho scelto; il mio amato, nel quale ho posto il mio compiacimento. Porrò il mio spirito sopra di lui e annuncerà alle nazioni la giustizia. Non contesterà né griderà né si udrà nelle piazze la sua voce. Non spezzerà una canna già incrinata, non spegnerà una fiamma smorta, finché non abbia fatto trionfare la giustizia; nel suo nome spereranno le nazioni».

Parola del Signore.

OMELIA

Il Vangelo di oggi ci dice che Dio vuole la nostra felicità. Capisco veramente che cosa significa ciò? Dio vuole la felicità di noi tutti, qualunque siano i nostri limiti. Ciò che è straordinario è che tutto ciò che costituisce la nostra sofferenza o la nostra felicità si trova espresso nella Bibbia. Noi vi ci ritroviamo interamente: noi e le nostre esperienze. È in Gesù che la parola decisiva di Dio ci è rivelata, ed è in lui che ci è rivelato il "Sì" di Dio. Dio non può dirci di più, e con maggiore insistenza, che attraverso Gesù, suo Figlio, nostro Salvatore. Gesù ci ha detto prima di tutto questo: siamo accettati nella nostra vita. Ecco ciò che esprime la parola di Dio. Lo capiamo? Gesù dice: "Voglio la tua felicità infinita. Nella tua vita l'afflizione non avrà l'ultima parola quando sarai a pezzi, il tuo lume di speranza si sarà spento, e tu dirai: ‘‘Io sono cattivo''". Colui che accoglie le parole di Dio imparerà che, al di là di queste parole che gli sfuggono, la vita rinasce. La Chiesa non vive, se la Bibbia non raggiunge la vita nel cuore delle comunità. E la nostra vita è così spesso gelata! Le cose che escono dal congelatore sembrano spesso scipite, senza gusto, riconoscibili solo dalla loro etichetta. Ma è sufficiente che siano riscaldate perché riprendano gusto. Anche la nostra vita è spesso gelata, come pure le nostre relazioni. Ma la parola di Dio riscalda. La Bibbia ci dice: per quanto la sua situazione sia disperata, ciascuno di noi può ripartire da zero. Perché è chiamato, e può cominciare a sentire che cos'è la vita, la sapienza, la capacità d'amare. Troverà un senso nella sua vita, se questa sarà impregnata d'amore per la parola che l'ha raggiunto e l'ha reso capace di aprirsi sempre più a se stesso. Egli non ha niente di meglio da dire su ciò che può essere la vita. Metti la tua vita sotto il segno della parola, e vedrai tu stesso il risultato.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Sab Lug 21, 2018 10:50 am

 Isaia…...Non spezzerà una canna già incrinata, non spegnerà una fiamma smorta,finché non abbia fatto trionfare la giustizia; nel suo nome spereranno le nazioni».
L'evangelista Matteo commenta spesso i gesti che Gesù compie rifacendosi all'Antico Testamento per indicare che Gesù porta a compimento le promesse annunciata dai profeti...le nazioni di oggi faranno trionfare la giustizia per il quale Gesù è morto?
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

LUNEDI' della XVI SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Lun Lug 23, 2018 1:55 pm


VANGELO  
Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni 15,1-8

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: "Io sono la vite vera e il Padre mio è l'agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.  Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli".
Parola del Signore.

OMELIA

Un Vangelo provocante, quello odierno, per il celebre paragone di Gesù che disse ai suoi discepoli: "Voi siete il sale della terra..., voi siete la luce del mondo". Si noti la dimensione universalistica, espressa in "la terra" e "il mondo", sono l'intera umanità. Grandissima missione, essere uomini e donne che danno sapore e senso alla vita, che danno luce e convinzioni agli altri. Con altrettanta evidenza tuttavia c'è il rischio di essere insipidi, di perdere quella novità a cui tutti dovrebbero poter guardare per imparare a sperare in Dio. Se i discepoli venissero meno al loro compito rispetto al mondo, non servirebbero più a nulla, anzi, rischiano di essere "gettati via e calpestati dagli uomini". "Voi siete", grande fiducia da parte del Signore per i suoi discepoli! Grande responsabilità per i discepoli nei confronti di coloro a cui sono mandati! "Voi siete", costituisce già un'entità, data certo come dono, in unione con Gesù, vera "luce degli uomini". La luce, che non può essere nascosta come una città elevata e che sarebbe assurdo metterla sotto il moggio come la lucerna in casa, sono le "buone opere" dei discepoli. Si tratta di quelle opere che rendono visibili "la giustizia, la misericordia, la pace, l'impegno sociale" dei discepoli per mezzo delle quali si rivelano autentici figli di Dio. Infatti questo dovere, coerente e pratico dei discepoli è un irraggiamento di quella luce che deve condurre gli uomini a riconoscere la fonte luminosa e sapienziale: il Padre che è nei cieli. E se volessimo leggere ancora quel "voi siete..." nella luce della festa della Patrona d'Europa, santa Brigida? "Voi, siete per il mondo..." Non risuonano forse queste parole come profezia?, come compito..., come funzione, come dovere? Di fronte al "mondo" che vede nelle cose materiali il valore supremo... l'Europa deve dare il sapore giusto all'umanità. Che compito, che missione... che responsabilità... (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Lun Lug 23, 2018 2:21 pm

...Voglio cantare per il mio diletto il mio cantico d'amore per la sua vigna. Il mio diletto possedeva una vigna sopra un fertile colle. Egli l'aveva dissodata e sgombrata dai sassi e vi aveva piantato viti pregiate; in mezzo vi aveva costruito una torre e scavato anche un tino. Egli aspettò che producesse uva; essa produsse, invece, acini acerbi. E ora, abitanti di Gerusalemme e uomini di Giuda, siate voi giudici fra me e la mia vigna. Che cosa dovevo fare ancora alla mia vigna che io non abbia fatto? Perché, mentre attendevo che producesse uva, essa ha prodotto acini acerbi? Ora voglio farvi conoscere ciò che sto per fare alla mia vigna: toglierò la sua siepe e si trasformerà in pascolo; demolirò il suo muro di cinta e verrà calpestata. La renderò un deserto, non sarà potata né vangata e vi cresceranno rovi e pruni; alle nubi comanderò di non mandarvi la pioggia. Ebbene, la vigna del Signore degli eserciti è la casa d'Israele; gli abitanti di Giuda sono la sua piantagione preferita. Egli si aspettava giustizia ed ecco spargimento di sangue, attendeva rettitudine ed ecco grida di oppressi (Is 5,1-7).....
Ogni discepolo di Gesù è un tralcio della sua vera vite. Se è tralcio in Lui, se da Lui viene al tralcio la linfa della vita, il cristiano mai dovrà produrre frutti cattivi, frutti di malvagità ed empietà, di crudeltà e cattiveria.
Come fa un popolo, una nazione, anche uno schieramento politico o militare dirsi di Dio, se produce frutti contrari alla stessa natura di Dio che è eterna verità e divina carità. L'odio, la vendetta, le ingiustizie, le guerre, gli omicidi, le stragi, i genocidi, ogni altra nefandezza e malvagità in nessun modo possono attribuirsi a Dio. Questi soni i frutti che li produce chi appartiene all'altra vite, quella di Satana. Questa è però una vite malvagia e genera malvagità sempre. Cristo Gesù è vite di amore e produce sempre un frutto di amore. Il cristiano si deve sempre verificare.
Dio mai vuole l'uomo contro l'uomo. Vuole invece che l'uomo sia per l'uomo, anche a prezzo della sua vita. 
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MARTEDI' della XVI SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Mar Lug 24, 2018 1:23 pm


Vangelo
Tendendo la mano verso i suoi discepoli, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli!».
Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 12,46-50

In quel tempo, mentre Gesù parlava ancora alla folla, ecco, sua madre e i suoi fratelli stavano fuori e cercavano di parlargli.
Qualcuno gli disse: «Ecco, tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e cercano di parlarti».
Ed egli, rispondendo a chi gli parlava, disse: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?».
Poi, tendendo la mano verso i suoi discepoli, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, egli è per me fratello, sorella e madre».
Parola del Signore

OMELIA
C’è una casa piena nel Vangelo di oggi. E’ piena che la gente straripa fuori. Arrivano anche alcuni familiari di Gesù assieme a Maria, la madre di Gesù. Con un passaparola avvisano Gesù che fuori c’è la madre con alcuni parenti. Gesù ha una reazione che apparentemente può sembrare indelicata: non si muove da lì, non fa passare nessuno, non esce fuori a salutarli, o per lo meno non lo fa subito. Usa invece quell’occasione per spiegare ai discepoli e alla gente che lo sta ascoltando che i legami più forti con lui non si costruiscono sul sangue, ma su una cosa più semplice e più alla portata di mano di tutti. Per essere intimo, familiare con Gesù, non bisogna avere il cognome di Giuseppe o la bellezza semitica di Maria. Basta ascoltare ciò che dice e metterlo in pratica. Questo ascolto pratico ci stravolge “Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, egli è per me fratello, sorella e madre”. Maria stessa è più madre perché discepola che madre perché diede il suo grembo. Questo mescolare l’ascolto di Gesù con le nostre scelte ci abilita a un’intimità con Dio inimmaginabile. E’ la più grande opportunità per noi di legarci a lui. ( Dal sito : Non di solo Pane)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MERCOLEDI' della XVI SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B -SAN GIACOMO APOSTOLO

Messaggio  annaxel il Mer Lug 25, 2018 11:20 am

VANGELO
Il mio calice, lo berrete.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 20,20-28

In quel tempo, si avvicinò a Gesù la madre dei figli di Zebedeo con i suoi figli, e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Di' che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno». Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo». Ed egli disse loro: «Il mio calice, lo berrete; però sedere alla mia destra e alla mia sinistra non sta a me concederlo: è per coloro per i quali il Padre mio lo ha preparato». Gli altri dieci, avendo sentito, si sdegnarono con i due fratelli. Ma Gesù li chiamò a sé e disse: «Voi sapete che i governanti delle nazioni dóminano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo. Come il Figlio dell'uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».
Parola del Signore.

OMELIA
Il colloquio che si svolge nel brano evangelico, scelto per la festa dell'apostolo Giacomo, è fin troppo chiaro nell'indicarci lo spirito con cui ci si deve mettere al servizio del Vangelo. Le categorie del pensare e dell'agire comuni sono rovesciate, così come lo sono nella seconda lettera ai Corinzi. Provate a considerare quale messaggio radicale e in controtendenza ci viene da questi passi. Si parla di croce, di morte, di sofferenza, e tutto questo vissuto nella speranza che "colui che ha risuscitato il Signore Gesù, risusciterà anche noi con Gesù", ed ancora si dice che se si vuole comandare bisogna servire, che i primi posti da ricercare sono quelli che ci mettono a servizio dell'altro. Tentiamo di rileggere la nostra vita cristiana alla luce di questa parola e a pensare all'incidenza che termini quali quelli proposti hanno nei nostri comportamenti quotidiani: nel rapporto con la mia comunità parrocchiale, con la mia famiglia, nell'ambito del mio lavoro e in fondo con me stesso. Sì, perché il ricercare spasmodicamente il primo posto, in ordine al potere e non al servizio, potrebbe anche voler dire non sentirsi capaci di "habitare secum", espressione dei Dialoghi di Gregorio Magno e cara alla tradizione benedettina, con cui si vuole indicare la possibilità di un animo pacificato di stare solo e di non dover provare necessariamente qualcosa a qualcuno. Scoprire i propri punti deboli è già un passo per poterli gestire e per conviverci. Forse anche San Giacomo, dalla risposta di Gesù, si sarà sentito infastidito ed anche mortificato, ma il suo martirio ci dimostra che quell'insegnamento di Gesù è stato recepito e vissuto fino alle estreme conseguenze. (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Mer Lug 25, 2018 11:43 am

Matteo ritorna, con l'episodio dei figli di Zebedeo, sulle esigenze richieste ai discepoli: umiltà e servizio, vissuto sino al dono della propria vita.
Essi non hanno ancora capito che nel regno dei cieli un ruolo grande ce l’hanno soltanto quelli che accettano di rinunciare a ogni tipo di pretesa o di riconoscimento umano, per servire fino a donare la stessa vita per gli altri.
Questo, essi, non sono ancora in grado di comprenderlo: eppure sarà proprio Giacomo il primo a scoprire il segreto di questa legge evangelica che Gesù Cristo ha vissuto dando l’esempio. Nella comunità dei credenti vengono rovesciati i principi di potere che animano normalmente gli uomini.
La vita di Gesù è offerta per la liberazione (riscatto) degli uomini. Il brano si chiude con queste parole di Gesù: ...Come il Figlio dell ’uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

GIOVEDI' della XVI SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Gio Lug 26, 2018 2:03 pm

VANGELO
A voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato.
+ Dal Vangelo secondo Matteo 13,10-17

In quel tempo, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Perché a loro parli con parabole?». Egli rispose loro: «Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato. Infatti a colui che ha, verrà dato e sarà nell'abbondanza; ma a colui che non ha, sarà tolto anche quello che ha. Per questo a loro parlo con parabole: perché guardando non vedono, udendo non ascoltano e non comprendono. Così si compie per loro la profezia di Isaia che dice: Udrete, sì, ma non comprenderete, guarderete, sì, ma non vedrete. Perché il cuore di questo popolo è diventato insensibile, sono diventati duri di orecchi e hanno chiuso gli occhi, perché non vedano con gli occhi, non ascoltino con gli orecchi e non comprendano con il cuore e non si convertano e io li guarisca! Beati invece i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano. In verità io vi dico: molti profeti e molti giusti hanno desiderato vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono!».
Parola del Signore.

OMELIA
«Ho conosciuto una volta un uomo che era in psicanalisi. Lo studio del suo medico era di fronte ad un vecchio ospedale psichiatrico in mattoni rossi, situato nella parte più vecchia della città. Un giorno, come faceva regolarmente da alcuni anni, il mio amico scese lungo la strada per raggiungere la macchina posteggiata davanti all'ospedale. All'improvviso udì provenire dall'ultimo piano un grido che gli fece raggelare il sangue, un grido che sembrava esprimere il dolore più profondo che possa provare una persona. Questo suono gli si impresse nell'anima. Il giorno dopo, di nuovo sul divano, raccontò al medico di quel grido. Il terapeuta, con stupore del mio amico, si meravigliò che egli ne parlasse. "Vuol dire che l'ha sentito solo ora?" chiese il dottore. "Dopo tutti questi anni? Tutti quelli che gridano è lì che li mettono, all'ultimo piano, dall'altra parte della strada". E il mio amico mi disse che da quel giorno era riuscito quasi sempre a sentire quelle grida. "Le grida sono tutt'intorno a noi" rifletté più tardi "e aspettano le nostre orecchie, i nostri occhi e le nostre mani"». Questo racconto di Kushner, tratto da "In quel luogo c'era Dio e io non lo sapevo", è un ottimo commento al Vangelo di oggi. Succede spesso nell'Antico Testamento che Dio parla e la sua voce può incutere tremore oppure, come capita nel Nuovo, può rimanere del tutto inascoltato. Il passo di Matteo dice che occorre compiere uno sforzo perché ciò che si ode penetri nell'intelligenza e nel cuore. La passività o meglio l'indolenza nei confronti della parola di Dio sono delle colpe che si pagano con
l'indurimento del cuore, vale a dire con il rimanere in una dimensione superficiale in rapporto alle persone e agli avvenimenti. Bisogna allenarsi quindi all'ascolto e all'approfondimento. Il Signore per manifestarsi richiede che dentro di noi si compia un esodo verso il deserto e lì "parlerà al nostro cuore". (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 19 di 22 Precedente  1 ... 11 ... 18, 19, 20, 21, 22  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum