Marco 1, 21- 45

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Marco 1, 21- 45

Messaggio  annaxel il Lun Feb 25, 2008 3:20 pm

Anna Giacomina ha scritto:E' interessante come nella traduzione italiana che io ho di questa frase del vangelo si legga :" Io non sono venuto a chiamare quelli che per voi sono i giusti, ma quelli che per voi sono i peccatori".

Ciao, il versetto che ho citato si trova nella Bibbia di Gerusalemme.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 2761
Data d'iscrizione : 14.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Marco 1, 21- 45

Messaggio  Anna Giacomina il Dom Feb 24, 2008 11:40 am

E' interessante come nella traduzione italiana che io ho di questa frase del vangelo si legga :" Io non sono venuto a chiamare quelli che per voi sono i giusti, ma quelli che per voi sono i peccatori".

Gli scribi e i farisei guardavano dall'alto in basso, forti della loro arroganza e ortodossia, i peccatori; Gesu' invece era pronto ad andare a sedersi a tavola con loro ed era pronto a guarirli. Essi, nel loro cuore, riconoscevano di essere peccatori e di aver bisogno di una cura. Per gli scribi e i farisei invece non c'era speranza perche' pensavano gia' di esser perfetti e quindi di non aver bisogno dell'aiuto di Gesu'.
avatar
Anna Giacomina

Numero di messaggi : 1034
Località : Londra
Data d'iscrizione : 14.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Marco:l'autore del secondo vangelo

Messaggio  annaxel il Mer Feb 20, 2008 9:12 am

Questo Vangelo fu scritto in ambiente probabilmente vicino alla lingua e alla cultura di Roma.
Si spiega così la confessione dello stesso centurione romano, che in Marco completa un percorso avviato
dalla stessa frase iniziale (Mc. 1,1) e ha per così dire il compito di riconoscere nell'uomo Gesù sofferente
il segno della potenza di Dio: < veramente quest'uomo era Figlio di Dio> (15,39)...continua
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 2761
Data d'iscrizione : 14.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Marco:l'autore del secondo vangelo

Messaggio  annaxel il Mar Feb 19, 2008 2:48 pm

...La testimonianza di Papia stabilisce, da un lato, uno stretto
legame
tra Marco e Pietro, di cui Marco diventà l'<interprete>, ossia il
portavoce, il traduttore, poichè Pietro non era molto avvezzo al
greco,
e, dall'altro, tra la predicazione di Pietro e il Vangelo.
Quest'ultimo è ritenuto privo di un ordine sistematico a differenza
del Vangelo di Matteo, che, sempre secondo Papia <ordinò i detti in
lingua ebraica>. Questa affermazione su Marco sembra piuttosto dire
che
egli costruisce da solo lo schema del suo scritto, come pure che egli
a
una preoccupazione e un intento teologico diversi dal <presbitero>,
sulla scia della predicazione di Pietro, che <dava le sue istruzioni
secondo necessità>...
Sempre secondo Papia, Marco scrive basandosi sulla memoria, ossia
sulla
tradizione orale della predicazione degli apostoli, diventate presto i
testi delle celebrazioni liturgiche.
Anche alcuni tra i primi padri della Chiesa e scrittori cristiani del
tempo, come Giustino, Ireneo, Clemente di Alessandria, Tertugliano,
origine e Girolamo, insieme a Ippolito e al Prologo antimarcionita,
confermano la posizione di Papia, e fissano la composizione del
Vangelo
in un epoca che precede o segue di poco la morte di
Pietro.....continua
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 2761
Data d'iscrizione : 14.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Marco:l'autore del secondo vangelo

Messaggio  annaxel il Mar Feb 19, 2008 2:41 pm

........Al di fuori del Nuovo testamento la notizia più importante su
Marco è quella del vescovo Papìa di Gerapoli, che risale agli anni 120-
130 e ci è trasmessa dallo storico Eusebio di Cesarea.
Papìa è debitore al <presbitero>, che vive qualche decennio prima,
piuttosto che alla prima Lettera di Pietro 81Pt 5,13).
Scrive Papìa. <Era proprio quello che il presbitero era solito dire:
Marco, che stato interprete di Pietro, scrisse con accuratezza, ma non
in ordine, quanto ricordava delle cose dette e compiute dal Signore.
Egli infatti non aveva ascoltato nè seguito il Signore, ma puù tardi,
come ho detto, ascoltò e seguì Pietro.....continua....
>
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 2761
Data d'iscrizione : 14.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Marco:l'autore del secondo vangelo

Messaggio  annaxel il Mar Feb 19, 2008 2:39 pm

Non si conosce molto sull'origine del secondo Vangelo e sul suo autore:
al pari della gran parte degli scritti biblici, esso compare nel canone
del Nuovo Testamento come anonimo.
La tradizione antica (I-II secolo) attribuisce questo scritto a Marco,
che è stato identificato con il personaggio omomimo rammentato nel
libro degli Atti degli apostoli.
Nonostante i nomi diversi (Giovanni Marco. At 12,12.25; 15,37; Giovanni:
At 13,5. 13; marco At 15,37, si è propensi a ritenere che si tratti
della stessa persona....(Luca Mazzinghi)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 2761
Data d'iscrizione : 14.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Riflessione : Mc. 2,1-12

Messaggio  annaxel il Mar Feb 19, 2008 2:36 pm

In questo episodio è evidente che Marco, pur riferendoci il miracolo
del < paralitico perdonato> vuole porre l'accento sulla controversia
con gli scribi, sul tema del poter rimettere i peccati.
Qui Gesù rivendica il potere divino di perdonare i peccati....
si nota anche che la rimessione dei peccati avverrà solo per la fede
dimostratagli; sarà così che la salvezza portata da Gesù diventerà
oggetto di contestazione.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 2761
Data d'iscrizione : 14.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Riflessione . Mc. 1,21-39

Messaggio  annaxel il Mar Feb 19, 2008 2:33 pm

Nel Capitolo 1,21-39 Marco ci fa notare come Gesù vive: <giornata
tipo>.
Ho notato che la giornata di Gesù inizia nella sinagoga (in preghiera)
e termina all'alba con la preghiera personale di Gesù.
Tutto quello che avviene nello spazio di questo tempo è il risultato
del suo rapporto con il Padre, espresso nella preghiera.
E' l'eterno invito che Gesù fa a tutti noi
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 2761
Data d'iscrizione : 14.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Marco 1, 21- 45

Messaggio  Anna Giacomina il Lun Feb 18, 2008 9:49 pm

Ricopio quello che avevo scritto nell'altro sito Smile

In maniera veloce faccio delle brevi considerazioni: la suocera di Pietro, appena guarita si mette a servire.
Questa e' l'essenza della vera vita cristiana: servire.
Gesu' per primo ci ha dato questo esempio, qui la suocera di Pietro fa altrettanto. Penso che in lei ci fosse anche una vera e propria gioia nel farlo proprio perche' guarita, "salvata". Anche noi siamo stati salvati da Gesu', la stessa gioia dovrebbe essere in noi adesso nel servirLo. E' cosi'? se non lo e', perche'? dovremmo fare un esamino di coscienza e cercare di capire se c'e' qualcosa che non va.

Poi volevo far notare come Marco distingue tra coloro che sono stati guariti da malattie e quelli da cui sono stati scacciati dei demoni.
Dico questo perche' al giorno d'oggi sempre meno persone credono nell'esistenza del demonio e anche certi preti spiegano questi miracoli di Gesu' a livello di guarigioni psichiche.
Io penso che tutti gli evangelisti soppesassero bene le parole che usavano e se Marco ci dice che " guari' molti di loro che soffrivano di malattie diverse e scaccio' molti demoni", io credo sappia benissimo cosa voleva dire e sappia fare una distinzione tra il malato e il posseduto.

Sarebbe bene che anche noi prendessimo piu' coscienza di questa realta' infernale e non ci sentissimo piu' bravi di Marco e degli altri discepoli e soprattutto non ci sentissimo piu' bravi di Gesu' al punto di pensare che Gesu' si sbagliava nel fare la diagnosi.......Puo' Gesu' sbagliarsi? e allora non ci resta che credere che il demonio esiste e faremmo bene al giorno d'oggi ad esserne piu' consapevoli in modo da non cadere nelle sue grinfie cosi' facilmente.
avatar
Anna Giacomina

Numero di messaggi : 1034
Località : Londra
Data d'iscrizione : 14.02.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Marco 1, 21- 45

Messaggio  Daniele il Mer Feb 13, 2008 7:32 pm

L'evangelista Marco, dopo quella introduzione della presenza
di Giovanni ed il battesimo di Gesù, la chiamata dei pescatori che
avrebbero costituito poi, il primo nucleo,la prima communità
cristiana, è passato subito alla presentazione della vita pubblica di
Cristo cioè proclamazione della Verità del Regno di Dio.

Nel presentare la liberazione di un indemoniato, che si
trovava nella sinagoga, ci mostra come Gesù, figlio di Dio è
investito di potenze straordinarie. A questo punto bisogna
considerare che i gesti che compie Gesù non sono né teatrali, né di
spettacolo, ma semplcemente di fraternità e di solidarietà. Gesù era
entrato nella sinagoga di Cafarnao e si mise ad insegnare. Marco non
ci dice quale fosse l'insegnamento di Gesù Cristo. Ma semplicemente
funziona da osservatore delle reazioni dei presenti. "Si
meravigliavano del suo insegnamento" dice Marco "poiché insegnava con
autorità"22. Possiamo immaginare la scena: Gesù in mezzo ai
presenti , parla di Dio, parla di Suo Padre…Chi poteva possedere più
autorità di farlo se non Lui. Da qui la meraviglia di chi lo
ascoltava. Questa autorità di Cristo, alla quale fa appello Marco, si
manifesta subito, costituendo la prova tangibile di questa
superiorità: Ed è la liberazione del indemoniato. La parola
autorevole di Gesù si impone sulla forza del male.Si impone sullo
spirito maligno e lo scaccia! E`curioso che questo spirito maligno
stava calmo fino a quando ha sentito quanto Gesù insegnava
all'asseblea della sinagoga. E subito ha chiesto : "Perché ti
intrometti" chiede, "Sei venuto per distruggerci"24 Già questo è un
primo riconoscimento della forza superiore del Bene contro il male.La
forza di Dio contro quella di satana. Ma lo spirito del male
continua: "So chi sei. Il Santo di Dio". Ora il quadro è completo. E`
lo stesso satana che, in un certo modo, riconosce il Creatore,
l'Onnipotente. E` riconosciuto quale consacrato di Dio , Cristo,
colui che instaura il regno di Dio e distrugge il dominio
dell'avversartio.Di questo modo la potenza di Dio in Gesù si
manifesta come forza liberatrice che permette all'uomo di
reintegrarsi nella piena dignità.
Il demonio, in un momento particolare come quello,non puo negare la
verità. Ma non si può parlare di fede del demonio perchè in lui c'è
il totale rifiuto di Dio. Sappiamo anche, che poi questo, costituisce
il vero tormento dell'inferno per i dannati: conoscere la verità, ma
sapere che Dio e ormai irragiungibile perchè e scaduto il tempo della
vita in cui dobbiamo davvero cercare Lui, con tutto il cuore.

Nel racconto di Marco, segue una piccola scena: La visita della casa
di Simone e Andrea, dove Gesù incontra la suocera di Pietro che era
ammalata e febbricitante. Gesù compie un gesto semplicissimo, la
prende per la mano destra e la fa alzare e la febbre la lasciò. s Il
resto della giornata passa tranquilla, tranquilla fino alla sera
quando finisce l'obbligo del riposo sabatico. La gente comincia ad
affluire verso la casa di Simone: Portano a Gesù "tutti" gli ammalati
ed indemoniati e, come aggiunge l'evangelista, "E davanti alla porta
si era radunata tutta la città"33.È una scena che presenta delle
caratteristiche pittoresche ed entusiastiche di quella folla per la
potenza manifestata da Cristo nel guarire gli ammalati e nello
scacciare i demoni. Nello stesso tempo però Gesù non permetteva ai
demoni di parlare "perché essi lo conoscevano"34 dice Marco.Ci può
sembrare strano questo atteggiamento di Gesù. Perché d'una parte
compie dei miracoli e dall'altra vuol metterli a tacere.

Pace e bene
avatar
Daniele
Admin

Numero di messaggi : 605
Età : 55
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 13.02.08

Vedi il profilo dell'utente http://vangelo.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Marco 1, 21- 45

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum