Che differenza c'e` tra S. Francesco e santa Chiara

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Che differenza c'e` tra S. Francesco e santa Chiara

Messaggio  Andrea il Ven Ago 29, 2008 4:53 pm

Dal sito P&S (Pastorale e Spiritualita`) ho trovato il testo che segue, scritto da "biancarosa". siccome la pagina di s. Francesco e` rimasta un po` indietro, ho creduto bene inserirla dopo il permesso dell' autore.

Oggi tra una lettura e un'altra, tra una meditazione e un'altra, mentre contemplavo il creato e ottimista nel pensiero di portare un po' della grazia della Parola tra il mio ambiente di lavoro, purtroppo mi sono accorta che se anche sì offre l'oro ai fratelli e sorelle che incontriamo ogni giorno, essi preferiscono l'argento. C'è voglia di sorprendere, c'è voglia di primeggiare, c'è voglia di portare il proprio Io anzichè il nostro Dio. La necessità da parte dell'uomo a mettersi sul trono di Gesù per essere lodato è aberrante, eppure ho dovuto constatare che mentre parlavo della Parola di oggi e cercavo di meditarla dall'altra parte il teatrino si è aperto su una singola persona il quale ha cominciato ad elencare le proprie opere di carità attirandosi la stima e l'ammirazione degli astanti. Tristemente ho dovuto accettare che Gesù era uscito di scena....Allora mi chiedo, e chiedo, ovvero avrei voluto che chi ascoltava si chiedesse "Che differenza c'è tra il San Francesco che ha girato per lungo e largo annunziando la parola di Dio e Santa Chiara che nel contempo era in ginocchio davanti a quel Dio, imploradolo che l'azione dello Spirito Santo in Francesco facesse breccia nel cuore di chi l'ascoltava?". Nessuna, io mi sono risposta, ammirando e stimando entrambi in quanto pozzi di grande spiritualità, ma all'occhio umano Francesco è Francesco e Chiara è Chiara, essa era quella che era chiusa al caldo in un convento con il solo compito di pregare. Il lavoro maggiore è stato quello di Francesco. Ma.....non tutti sanno che al fine di rendere feconda l'opera di Francesco, Chiara si sottoponeva ad estenuanti sacrifici di digiuni e preghiere, ma certamente all'occhio umano Francesco è Francesco e Chiara è Chiara. Conclusione: forse oggi si sta perdendo la concezione dell'importanza della preghiera, della forza di essa e della potente azione che può avere nel cambiare le sorti del mondo, la conoscenza della contemplazione nel silenzio. Presi dal fare, fare, fare ci dimentichiamo di pregare, finendo per strafare lì dove c'e solo bisogno di donare...

Per la copia

_________________
Andrea
avatar
Andrea
Admin

Numero di messaggi : 5697
Età : 86
Località : Atene - Grecia
Data d'iscrizione : 14.02.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.vangelo.forumattiVo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum