Caravaggio: la conversione di San Paolo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Caravaggio: la conversione di San Paolo

Messaggio  chiarotta91 il Dom Gen 25, 2009 3:30 pm

Quando vogliamo ironicamente dire a qualcuno che è profondamente cambiato diciamo: "Che sei caduto da cavallo sulla via di Damasco????" Indendiamo riferisci alla conversione di San Paolo che oggi la liturgia ricorda. In realtà il passo degli Atti degli Apostoli, cap. 9, non parla di nessun cavallo. Dice solo che mentre faceva il viaggio verso Damasco, cadde a terra. Allora come mai si è materializato un cavallo nell'immaginario collettivo?? Per il famoso quadro di Caravaggio, conservato a Roma nella Chiesa di Santa Maria del Popolo, nell'omonima piazza. L'arte una volta era lo strumento privilegiato di evangelizzazione e catechesi. Pitture parietali, pale d'altare, affreschi divulgavano le scritture e la gente che non poteva leggere la sacra Scrittura apprendeva così parabole, episodi biblici e conosceva le storie dei profeti. La conversione di San Paolo è veicolata, così, con il cavallo e soprattutto la luce, elemento fondamentale nella pittura di Caravaggio. La luce ha un ruolo importante anche nel passo della Scrittura, abbaglia a tal punto Saulo che non riesce a vedere e deve essere accompagnato dagli amici fino a Damasco. Questa annotazione degli Atti è significativa; il progetto di Dio trova compimento in un contesto affettivo, nella risposta di tutti quelli che operano secondo la Sua Volontà
avatar
chiarotta91

Numero di messaggi : 488
Età : 58
Località : Roma
Data d'iscrizione : 15.12.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum