La storia della IV Crociata

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La storia della IV Crociata

Messaggio  Andrea il Mar Gen 27, 2009 8:39 am

Oggi diamo inizio al recconto della famosa IV Crociata alla quale avra` seguito anche l' assedio di Costantinopoli. Sono pagine tristi alle quali dobbiamo dare una certa attenzione e pregare che non si abbiano a ripetere.
Andrea

Introduzione

La IV Crociata e` un avvenimento storico legato piu` all’ assedio di Costantinopoli che alla liberazione della Terra Santa dai musulmani. In effetti ragioni politiche e non religiose portarono i Criociati ad eseguire questo assedio ed il conseguente saccheggio della capitale dell’ Impero Romano d’ Oriente.

L’ operazione nel suo insieme fu chiamata IV Crociata in quanto indetta e predicata da Papa Innocenzo III, al secolo Lotario conte di Segni, eletto al trono di Pietro all’ età di 36 anni, il 8 gennaio 1198. Una delle questioni più care a Innocenzo era la volontà di ricomporre lo Scisma d'Oriente del 1054, per riconciliare i latini e greci. In questo senso egli prese più volte i contatti con Manuele Comneno, ma non rinunciò mai al primato di san Pietro che costituiva il “sine qua non” dei bisantini.


Papa Innocenzo III

Qualche mese dopo il 15 agosto dello stesso anno, il nuovo pontefice emanava un’ enciclica con la quale i cattolici erano incitati alla riconquista di Gerusalemme

La reazione dei paesi cattolici non si può dire che sia stata proprio entusiasta in quanto, i tedeschi erano in polemica con il Papa, la Francia e l’ Inghilterra combattevano tra di loro, mentre le città marinare perchè avevano i loro interessi nei mari d’ oriente. Intanto onde evitare una scomunica, Venezia chiese la dispensa di parteciparvi, con la causale di non poter sopravivere senza i traffici con l’ Egitto.

Alla fine la Francia si assunse il compito di organizzare la missione, e malgrado varie questioni e difficoltà alla fine fu eletto capo, dai nobili francesi, Teobaldo di Champagne che però mori nel 1201. Il suo posto è stato preso da Bonifacio I del Monferrato con l’ incarico di prendere di soprassalto l’ Egitto come era stato prospettato al termine della III Crociata.

Avendo in mente quanto era successo nelle crociate precedenti, i crociati decisero di prendere la via del mare per raggiungere la loro mèta. Hanno scartato subito Marsiglia e Genova, rimaneva Venezia, come potenza marina che poteva provvedere quanto era loro necessario.cosi, ai primi di febbraio del 1201 la delegazione crociata raggiunse la Serenissima accolta del doge Enrico Dandolo, il quale ascoltò la richiesta dei crociati. Le trattative durarono fino alla fine del mese di aprile quando venne stipulato il contratto per il trasporto, dietro compenso di 85.000 marche imperiali d’argento.

Per la suddetta somma i veneziani si impegnavano di preparare entro la fine di giugno del 1202 navigli capaci di trasportare 4.500 cavalieri con il loro cavalli, 9.000 scudieri e 20.000 fanti. Il contratto prevedeva anche il rifornimento di viveri e foraggio per il bestiame durante il viaggio. Oltre questo Venezia si impegnò di armare 50 galere che avrebbero accompagnato la crociata in cambio del 50% di quanto sarebbe stato conquistato.

_________________
Andrea
avatar
Andrea
Admin

Numero di messaggi : 5755
Età : 86
Località : Atene - Grecia
Data d'iscrizione : 14.02.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.vangelo.forumattiVo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum