Mc 9,35-37

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Mc 9,35-37

Messaggio  chiarotta91 il Sab Set 19, 2009 9:30 pm

Il passo del Vangelo di oggi ci ricorda il vero significato del "farsi prossimo". Ciascuno di noi vive in costante relazione con gli altri, in famiglia, al lavoro, a scuola, nel luogo in cui vive ... Spesso i nostri rapporti tendono ad essere conflittuali, fino ad arrivare alla prepotenza e alla volontà di competere su tutti i fronti. Allora il nostro vivere diventa un muro contro muro. Le relazioni tra coniugi finiscono con la divisione persino materiale di ciò che si era construito. Anche tra le generazioni il conflitto cresce . E' cronaca di questi giorni a cosa porta il rifiuto di ascoltare l'altro nei suoi bisogni profondi. L'altro deve essere come dico io oppure fuori dai piedi, lontano da me. La mia libertà finisce dove termina quella dell'altro si dice erroneamente. La mia libertà deve includere l'altro , altrimenti per essere più libero, lo allontano sempre di più, fino ad aucciderlo. E si fa così sempre anche con il figlio che arriva e che non è nel tuo programma. Marco al capitolo 9 dice:

«Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti». E, preso un bambino, lo pose in mezzo a loro e, abbracciandolo, disse loro: «Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato»

Porsi al servizio del fratello significa per prima cosa ascoltare i suoi bisogni. Serve e può servire solo chi ha ascolato il bisogno dell'altro. La relazione che ci lega gli uni agli altri è di condivisione, di amore, di aiuto. Solo con questi presupposti sarà autentica. Gesù fa per noi il gesto di abbracciare un bambino. Nella società ebraica i bambini piccoli non avevano diritti particolari e spesso erano loro a servire gli adulti nella vita quaotidiana. Eppure Gesù lo abbraccia, un gesto forte , lo mette al centro e ci dice che ascoltare il suo bisogno è come porsi al servizio di Dio. Se si ama un bambino (immagine e somiglianza del Padre ) si accoglie il messaggio di amore di Dio e si entra in relazione forte con Lui.
avatar
chiarotta91

Numero di messaggi : 488
Età : 58
Località : Roma
Data d'iscrizione : 15.12.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum