VANGELO di Gesù: anno B

Pagina 24 di 25 Precedente  1 ... 13 ... 23, 24, 25  Seguente

Andare in basso

MERCOLEDI' della XXX SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Mer Ott 31, 2018 9:07 am

VANGELO  
Verranno da oriente a occidente e siederanno a mensa nel regno di Dio.
+ Dal Vangelo secondo Luca 13,22-30

In quel tempo, Gesù passava insegnando per città e villaggi, mentre era in cammino verso Gerusalemme. Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?». Disse loro: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno. Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, voi, rimasti fuori, comincerete a bussare alla porta, dicendo: "Signore, aprici!". Ma egli vi risponderà: "Non so di dove siete". Allora comincerete a dire: "Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze". Ma egli vi dichiarerà: "Voi, non so di dove siete. Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia!". Là ci sarà pianto e stridore di denti, quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, voi invece cacciati fuori. Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. Ed ecco, vi sono ultimi che saranno primi, e vi sono primi che saranno ultimi».
Parola del Signore.

OMELIA
La vita di ogni uomo, il percorso di ritorno a Dio di tutta l'umanità è paragonabile ad un duro ed incerto incedere nel deserto, dove tutto è arido e la segnaletica è quasi inesistente. Tutto ci è già stato descritto nella narrazione biblica dell'Esodo. Oggi Gesù, interpellato sul numero di coloro che si salvano, ci parla della porta stretta. Vuole ricordarci che bisogna farsi piccoli ed umili per entrarci, bisogna faticare duro ed essere perseveranti e puntuali all'appuntamento per evitare il gravissimo rischio di arrivare in ritardo e trovare la porta chiusa. Accadde anche alle vergini stolte rimaste senz'olio. Nessuno allora potrà accampare scuse dinanzi al giusto giudizio di Dio; a nulla varrà il vanto di pretese intimità con Dio non suffragate dalla verità e dall'autenticità dei nostri comportamenti. Ci sentiremo dire con sgomento: "in verità vi dico, non vi conosco". Quando la fede si spegne o licenziamo Dio dalla nostra vita, non solo smarriamo la via del Regno, ma la rendiamo colpevolmente inaccessibile a noi stessi e ci ritroviamo fuori, proprio come accadde ai nostri progenitori dopo l'esperienza del primo peccato. Gesù però, ancora una volta, ci conforta: egli si definisce la porta delle pecore. Allora Gesù disse loro di nuovo: «In verità, in verità vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvo; entrerà e uscirà e troverà pascolo. (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Mer Ott 31, 2018 2:07 pm

Luca in questo brano introduce alcuni detti di Gesù, sottolineando la necessità e l'urgenza della conversione, attarverso l'immagini della porta stretta e del giudizio finale. Di fronte a Dio, non vi sono diritti di appartenenza, ma Gesù invita a non rischiare di essere lasciato fuori della porta.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

SOLENNITA' TUTTI I SANTI

Messaggio  annaxel il Sab Nov 03, 2018 1:49 pm

Il Vangelo di oggi: Mt 5,1-12
Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli.

In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo: «Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli. Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati. Beati i miti, perché avranno in eredità la terra. Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati. Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia. Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio. Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio. Beati i perseguitati per la giustizia, perché di essi è il regno dei cieli. Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli».

avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

COMMEROZIONE di TUTTI I FEDELI DEFUNTI

Messaggio  annaxel il Sab Nov 03, 2018 1:58 pm

Il Vangelo di oggi: Gv 6,37-40
Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno.

nostalgiaIn quel tempo, Gesù disse alla folla: «Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, io non lo caccerò fuori, perché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato. E questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma che lo risusciti nell’ultimo giorno. Questa infatti è la volontà del Padre mio: che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno».
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

SABATO della XXX SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Sab Nov 03, 2018 2:05 pm

VANGELO
Chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato.
+ Dal Vangelo secondo Luca 14,1.7-11

Un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo. Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: "Cédigli il posto!". Allora dovrai con vergogna occupare l'ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va' a metterti all'ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: "Amico, vieni più avanti!". Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».
Parola del Signore.

OMELIA
Il Vangelo di oggi ci riferisce di un certo lavoro che, questa volta, Gesù proibisce egli stesso a tutti, non solo nel giorno di sabato, ma sempre. Entrato in casa di uno dei capi dei farisei per pranzare, stava a vedere come la gente si sistemava, e vide appunto che tutti miravano ai primi posti. Questo è un lavoro che tutti sappiamo fare molto bene, ed è un lavoro che rende e piace, perché i primi posti significano esaltazione, proprio prestigio, onorificenze. Di fronte a questa gara individuale nei confronti degli altri, Gesù propose loro con la parabola degli invitati a nozze di scegliere gli ultimi posti; così che venendo colui che ti ha invitato ti dica: Amico, passa più avanti. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato. La proposta di Gesù non è una semplice regola di educazione, né stratagemma per migliorare la propria posizione. E' invece la rivelazione del giudizio di Dio, che valuta in modo opposto al nostro. E' quanto Gesù ci ha manifestato e ciascuno di noi è chiamato a vivere. Egli ha scelto l'ultimo posto, si è fatto servo di tutti e si è umiliato. Suoi amici sono quanti fanno altrettanto. Questa umiltà è un atteggiamento religioso che ha a che vedere con il posto nel banchetto del regno di Dio, che umilia il superbo e innalza l'umile, come cantò la Vergine Maria nel suo Magnificat. Solo l'umile dà gloria a Dio e riceve da lui gloria. Il superbo invece dà gloria al proprio io e resiste a Dio. L'ultimo è il posto di Dio: lì troveremo Gesù, nostro Maestro. E questo è il motivo per cui Dio ama gli ultimi. Solo questi partecipano al banchetto del Regno, che la misericordia del Padre imbandisce per il figlio perduto e ora ritrovato. (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

DOMENICA della XXXI SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Dom Nov 04, 2018 9:38 am

VANGELO
Non c’è altro comandamento più grande di questi
+ Dal Vangelo secondo Marco 12 28b-34

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi». Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocausti e i sacrifici». Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

Parola del Signore.

OMELIA

Messaggi, messaggini, e-mail, talk-show, satelliti… L’ancestrale bisogno di comunicare tra gli esseri umani ha radici profonde, nel tempo e nell’animo. Presupposti fondamentali: qualcosa da dire e la capacità di ascoltare. “Ascolta, Israele”, antico ritornello della preghiera ebraica: è il tuo Dio che ti parla. Unico, essenziale messaggio da fissare nel tuo cuore, al centro di ogni tua energia, razionale ed emozionale: amami con tutto te stesso. In cambio, la promessa di quel futuro che ciascun uomo desidera: la felicità. Sembra un’utopia, il mondo delle casette di cioccolato e marzapane, dei fiumi di latte e miele, roba da bambini. O da adolescenti in cerca di avventure: un Dio roccia, liberatore, che mi porta “a largo”, sull’isola che non c’è, senza la zavorra di legami familiari, mamme che assillano, prof che rompono, leggi da rispettare. Roba da adulti stressati, bisognosi di “grandi vittorie” sui nemici che opprimono: un capufficio esigente, una moglie assente, dei figli ingrati. Abbiamo perduto la capacità di ascoltare! O forse, paradossalmente, nell’era delle grandi comunicazioni, riusciamo ad ascoltare solo noi stessi. Concentrati sui nostri più minuti cambiamenti d’umore, abbiamo forse scordato il linguaggio dello spirito: la sola parola “comandamento” ci fa venire i brividi. Ha il sapore della legge dello stato, delle convenzioni sociali che imbrigliano la nostra libertà. E se riuscissimo a ribaltare il tutto? Ribaltare l’ottica: il comandamento più grande, il messaggino più potente, ci è dato per avvicinarci al regno di Dio: Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua mente, con tutta la tua forza. L’amore per Dio si concretizza nell’amore del prossimo. E “amare il prossimo come se stesso vale più di tutti i sacrifici”. Valere: il fulcro di ogni spot pubblicitario. Come è moderno questo vangelo! Tu vali perché ha valore il tuo sforzo. E il premio non è la conquista di uno status sociale, bensì uno “status spirituale”: quel benessere interiore che ti fa accettare con serenità tutte le cose della vita. È un comandamento che libera, che fa comunicare, nel senso vero del termine, “mettere in comune”. Che ci fa fare “comunione”, fondendo terra e cielo in un unico paese “dove scorre latte e miele”.

avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MARTEDI' della XXXI SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Mar Nov 06, 2018 2:35 pm

VANGELO
Esci per le strade e lungo le siepi e costringili ad entrare, perché la mia casa si riempia.
+ Dal Vangelo secondo Luca 14,15-24

In quel tempo, uno dei commensali, avendo udito questo, disse a Gesù: «Beato chi prenderà cibo nel regno di Dio!». Gli rispose: «Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti. All'ora della cena, mandò il suo servo a dire agli invitati: "Venite, è pronto". Ma tutti, uno dopo l'altro, cominciarono a scusarsi. Il primo gli disse: "Ho comprato un campo e devo andare a vederlo; ti prego di scusarmi". Un altro disse: "Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego di scusarmi". Un altro disse: "Mi sono appena sposato e perciò non posso venire". Al suo ritorno il servo riferì tutto questo al suo padrone. Allora il padrone di casa, adirato, disse al servo: "Esci subito per le piazze e per le vie della città e conduci qui i poveri, gli storpi, i ciechi e gli zoppi". Il servo disse: "Signore, è stato fatto come hai ordinato, ma c'è ancora posto". Il padrone allora disse al servo: "Esci per le strade e lungo le siepi e costringili ad entrare, perché la mia casa si riempia. Perché io vi dico: nessuno di quelli che erano stati invitati gusterà la mia cena"».

Parola del Signore.

OMELIA
"Venite, è pronto". Questa parola è come il ritornello di un inno alla gioia. Dio invita gli uomini ad esultare con lui. Il banchetto di amicizia per tutti i popoli, in tutta la terra, significa comunicazione, fiducia, desiderio di intesa e di buon umore. Qui l'ospite ha previsto tutto perché i suoi invitati assaporino la vera gioia, la gioia della salvezza. La generosità del padrone non ha limiti. Bisogna ancora rispondere, con il cuore più che con le labbra. La gente chiamata dalle strade e dalle vie ha riempito la sala. Il Vangelo non dice che cosa ha risposto: la loro risposta è stata quella di venire, con il cuore pieno di gioia. I credenti tradizionali non sono esclusi. Invitati fin dal battesimo, si facciano avanti senza esitare e prendano il posto che è loro destinato! "Entrate tutti nella gioia del vostro padrone", diceva san Giovanni Crisostomo in un sermone di Pasqua. "La festa è pronta; partecipate tutti; nessuno se ne vada affamato. Tutti si dilettino al banchetto della fede".
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

DOMENICA della XXXII SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Dom Nov 11, 2018 2:45 pm

VANGELO
Questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri.
+ Dal Vangelo secondo Marco 12,38-44

In quel tempo, Gesù [nel tempio] diceva alla folla nel suo insegnamento: «Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa». Seduto di fronte al tesoro, osservava come la folla vi gettava monete. Tanti ricchi ne gettavano molte. Ma, venuta una vedova povera, vi gettò due monetine, che fanno un soldo. Allora, chiamati a sé i suoi discepoli, disse loro: «In verità io vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri. Tutti infatti hanno gettato parte del loro superfluo. Lei invece, nella sua miseria, vi ha gettato tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere».

Parola del Signore.

OMELIA

La liturgia di oggi ci presenta due donne vedove: quella di Sarepta, che aiuta il profeta Elia, rinunciando al suo cibo, e quella del Vangelo, che offre i suoi due spiccioli, "tutto quanto aveva per vivere". La loro generosità è ancora più manifesta, se confrontata con l'atteggiamento dei ricchi spavaldi e degli scribi che "divorano le case delle vedove". La divisione ricchi e poveri è una contrapposizione usuale della Sacra Scrittura, ma non basta essere poveri per camminare sulla retta via, né essere ricchi per camminare sulla via dell'ingiustizia. Il Signore non guarda lo stato patrimoniale, ma lo stato del cuore. E così pure, non pensare che tutti i farisei sinonimo di ipocrita siano sempre tali. D'altronde il pericolo dell'ipocrisia è insito in ogni persona. Una volta ancora Gesù ci riporta all'interiorità, alla valutazione che non si ferma alla superficie e alla quantità. Ci rifà l'elogio della povertà, che è donazione, fiducia e piccolezza. Quella vedova che non era sfuggita al suo sguardo, era veramente povera di spirito, nascosta, proprio l'antitesi di coloro che "amavano primeggiare in lunghe vesti, ricevere i saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe". Gesù sa cogliere la verità della persona al di là delle apparenze, osservando la condotta di ciascuno nel quotidiano. Gesù diceva alla folla: "Guardatevi dagli scribi". Egli insegnando nel tempio, offre i criteri per distinguere i veri dai falsi maestri. Il cammino secondo il Vangelo, è il passaggio dal potere al servizio, dalla esibizione al nascondimento, dalla ricchezza alla povertà. Non soltanto come atteggiamento morale, ma come imitazione reale della povertà che Gesù stava per portare a termine nella sua vita con la sua la passione e la sua morte in croce. Il Vangelo lo rileggiamo nella seconda lettura, proprio attraverso il tema del sacrificio: "Ha dato tutto quanto aveva per vivere, tutta la sua vita". (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Dom Nov 11, 2018 3:04 pm

Marco, nel Vangelo di oggi ci parla di un episodio di grande significato: l'obolo della vedova. I capi religiosi di Israele hanno un' idea errata di Dio, che si traduce in ipocrisia e ingiustizia. Al loro atteggiamento si contrappone, polemicamente, l'insignificante offerta della povera vedova, che diviene l'immagine vivente del discepolo e della stessa Chiesa che offre al Signore la sua stessa vita. Gesù mette in guardia i suoi discepoli dai Maestri della legge che si pavoneggiano per farsi notare, ma in realtà <divorano le case delle vedove>. Il luogo d'incontro con Gesù non passa attraverso il Tempio materiale, ma attraverso un cuore disponibile al dono. Quello che conta davanti a Dio non è quantità di ciò che si offre, ma lo spirito con cui si fa l'offerta: l'esempio della vedova è significativo.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MARTEDI' della XXXII SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Mar Nov 13, 2018 9:09 am

VANGELO
Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare.
+ Dal Vangelo secondo Luca 17,7-10

In quel tempo, Gesù disse: «Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: "Vieni subito e mettiti a tavola"? Non gli dirà piuttosto: "Prepara da mangiare, stringiti le vesti ai fianchi e servimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu"? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: "Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare"».
Parola del Signore.

OMELIA
È innato nell'essere umano attendersi una ricompensa ed una gratificazione, dopo aver adempiuto ad un proprio dovere. Tutto il lavorio dell'uomo è orientato infatti al conseguimento di un giusto salario e ad una adeguata ricompensa. Non è così nei confronti del Signore: da Lui, fonte di ogni bene, Signore dell'universo, nulla possiamo pretendere, anche se tutto speriamo da Lui. Il rapporto infatti che instauriamo con Dio non è confrontabile con quello che viviamo nei confronti del nostro prossimo. "Essere servi del Signore, significa regnare", garantirsi cioè l'accesso al regno di Dio e godere della sua ineffabile presenza santificante già in questo mondo. Non può essere quindi oggetto di un baratto e ancor meno una pretesa. Ridurremmo il buon Dio ad un semplice buon padrone se lo pensassimo come un datore di lavoro con tutti quei vincoli e obblighi reciproci che li regolano. È per questo che il Signore oggi ci dice che: "Quando avrete fatto tutto quello che vi stato ordinato, dite "siamo servi inutili". Non è l'esortazione ad un semplice gesto di umiltà, ma il riconoscimento del primato di Dio nell'amore e la consapevolezza che non saremo mai in grado di offrirgli un servizio adeguato alla sua divina maestà. Senza la sua grazia nessuna azione umana, per quanto giusta, potrebbe meritare un premio eterno, la cui essenza è lo stesso amore di Dio, di cui saremo riempiti per l'eternità. Tuttavia in altre parti del Vangelo lo stesso Signore non manca di esortarci al bene anche in vista del premio finale. Ai suoi apostoli egli dice: "In verità vi dico: voi che mi avete seguito, nella nuova creazione, quando il Figlio dell'uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù di Israele". Ci parla ripetutamente del premio riservato a coloro che gli rimangano fedeli, ma tutto questo ci conferma che solo dalla bontà divina sgorga l'incommensurabile premio. Lo stesso San Paolo, prossimo ormai a concludere la sua buona battaglia, afferma: "Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede. Ora mi resta solo la corona di giustizia che il Signore, giusto giudice, mi consegnerà in quel giorno; e non solo a me, ma anche a tutti coloro che attendono con amore la sua manifestazione".
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Mar Nov 13, 2018 2:10 pm

.....Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”. Con questa parabola, Luca vuole sottolineare il modo di svolgere il servizio all'interno della comunità. Questo ammonimento è rivolto ai suoi discepoli, ma, la faccenda dei servi inutili rimane una visuale privilegiata sulla nostra vita, perché ci costringe ad ammettere che ciò che conta,è la nostra totale gratuità nel dare senza aspettarsi ricompense. Dobbiamo imparare a essere felici della nostra “inutilità”, felici proprio quando nessuno ci ripagherà per il bene o l’amore che abbiamo fatto o che ci abbiamo messo. Solo allora possiamo sentirci servi “inutili”.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

MERCOLEDI' della XXXII SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Gio Nov 15, 2018 9:07 am

Il Vangelo di oggi: Lc 17,11-19
«Alzati e va’; la tua fede ti ha salvato!
»
.


Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea. Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati. Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano. Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!».

OMELIA

L’incontro di Gesù con i dieci lebbrosi, soprattutto il suo dialogo con il Samaritano guarito, meritano un supplemento di meditazione. Ci colpiscono le domande che Gesù rivolge al Samaritano e ancor più l’esclamazione finale. Da un lato, Gesù esprime la sua meraviglia perché uno solo su dieci ha sentito il bisogno di dire grazie. Dall’altro, egli dichiara che è stata la fede a donare a questo povero lebbroso la guarigione completa. Torna conto esplicitare l’itinerario che conduce questo povero lebbroso da una situazione di miseria e di estrema povertà a una situazione nuova, perché rinnovata dal tocco risanante di Gesù. Anche lui, come gli altri, soffre di una malattia tremenda. Anche lui, come gli altri, invoca pietà da Gesù maestro. Anche lui, come gli altri, va a presentarsi ai sacerdoti. Ma solo lui torna da Gesù per esprimergli un grazie così intenso, che Gesù non fa fatica a riconoscere come un atto di pura fede. Così l’incontro personale con Gesù non solo rinnova il corpo di questo povero lebbroso, ma ne trasforma l’animo profondamente. Al lebbroso guarito non basta aver risolto un problema personale: gli sembra troppo poco, soprattutto non degno di un uomo che ha intuito di aver incontrato una persona straordinaria. Il suo vero desiderio è quello di tornare per conoscere; conoscere per riconoscere il suo vero guaritore; riconoscerlo per ringraziarlo e per seguirlo. Riconosciamo in questa pagina evangelica un vero e proprio cammino di iniziazione cristiana, che ogni fedele dovrebbe fare proprio e che dovrebbe rivivere nei momenti più decisivi della sua esistenza. ( Dal sito Non di Solo Pane)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

GIOVEDI' della XXXII SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Gio Nov 15, 2018 9:10 am

VANGELO
Il regno di Dio è in mezzo a voi.
+ Dal Vangelo secondo Luca 17,20-25

In quel tempo, i farisei domandarono a Gesù: «Quando verrà il regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l'attenzione, e nessuno dirà: "Eccolo qui", oppure: "Eccolo là". Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!». Disse poi ai discepoli: «Verranno giorni in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell'uomo, ma non lo vedrete. Vi diranno: "Eccolo là", oppure: "Eccolo qui"; non andateci, non seguiteli. Perché come la folgore, guizzando, brilla da un capo all'altro del cielo, così sarà il Figlio dell'uomo nel suo giorno. Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga rifiutato da questa generazione».
Parola del Signore.

OMELIA
Aspettare al tempo stesso ardentemente e pazientemente, senza pretendere di vedere arrivare la cosa, né di sapere come arriverà: ecco qualcosa di assai difficile. Quando arriverà il regno? ci chiediamo con i farisei. E alcuni si affidano ai calcoli. Altri gridano: Eccolo, è qui. No, risponde in anticipo Gesù: le domande che riguardano il momento, il luogo e il modo rimarranno sempre senza risposta, e anche senza oggetto: la sorpresa sarà totale, renderà polvere tutte le false domande. Ma le parole di Gesù ci riportano da questa attesa del futuro ai giorni del Figlio dell'uomo, cioè al tempo dell'Incarnazione: il regno di Dio è in mezzo a voi. Per riconoscerlo bisognerà che i farisei credano e comprendano che questo regno è Gesù stesso e ciò che egli dice, Gesù e la passione che egli vede avvicinarsi. Oggi il Regno non è ancora e sempre in mezzo a noi? Non si trova in embrione ovunque ci si ricordi dei giorni del Figlio dell'uomo, si aspetti il suo giorno, e si traduca questo ricordo e questa speranza in amore e fervore?
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

VENERDI' della XXXII SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Ven Nov 16, 2018 2:42 pm

VANGELO  
Così accadrà nel giorno in cui il Figlio dell'uomo si manifesterà.
+ Dal Vangelo secondo Luca 17,26-37

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come avvenne nei giorni di Noè, così sarà nei giorni del Figlio dell'uomo: mangiavano, bevevano, prendevano moglie, prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell'arca e venne il diluvio e li fece morire tutti. Come avvenne anche nei giorni di Lot: mangiavano, bevevano, compravano, vendevano, piantavano, costruivano; ma, nel giorno in cui Lot uscì da Sòdoma, piovve fuoco e zolfo dal cielo e li fece morire tutti. Così accadrà nel giorno in cui il Figlio dell'uomo si manifesterà. In quel giorno, chi si troverà sulla terrazza e avrà lasciato le sue cose in casa, non scenda a prenderle; così, chi si troverà nel campo, non torni indietro. Ricordatevi della moglie di Lot. Chi cercherà di salvare la propria vita, la perderà; ma chi la perderà, la manterrà viva. Io vi dico: in quella notte, due si troveranno nello stesso letto: l'uno verrà portato via e l'altro lasciato; due donne staranno a macinare nello stesso luogo: l'una verrà portata via e l'altra lasciata». Allora gli chiesero: «Dove, Signore?». Ed egli disse loro: «Dove sarà il cadavere, lì si raduneranno insieme anche gli avvoltoi».

Parola del Signore.

OMELIA
È un linguaggio apocalittico quello che ci propone oggi la liturgia della Parola nel brano di Vangelo di Luca. Realtà umane ed escatologiche s'intrecciano. Sul nostro mondo sta per essere irrorato l'amore misericordioso del Padre, con l'immolazione del Figlio suo Gesù Cristo. Egli dice che sarà un fuoco che si accende ed arde sul mondo. Vuole dirci che, per assurdo, dinanzi all'evento centrale della storia, c'è ancora la possibilità di una incomprensibile indifferenza da parte degli uomini. Già era accaduto qualcosa di simile in passato: le grandi teofanie da una parte e le imperdonabili disattenzioni degli uomini dall'altra. Ora la teofania è diventata presenza viva del Figlio di Dio. La sua incarnazione e la sua immolazione significheranno la redenzione universale dell'intera umanità; è la suprema manifestazione del Cristo, la più grande teofania della storia. Nessuno però potrà più sfuggire agli influssi divini della sua infinita misericordia. Quell'amore senza limiti è destinato a scandire l'ultima inevitabile selezione: o salvati e redenti per quel sacrificio e per la libera e gioiosa adesione personale a Cristo o irrimediabilmente condannati per un colpevole definitivo rifiuto. Così si diventa "cadaveri", dilaniati dagli avvoltoi. In questo contesto leggiamo la sua sentenza: "Chi cercherà di salvare la propria vita la perderà, chi invece la perde la salverà". Salvare la propria vita nel concetto umano più immediato, significa reclamare ancora la propria libertà, esimersi dall'influsso divino, spendere la vita in completa autonomia. Perderla per Cristo significa quella umile sottomissione che ci fa godere dei frutti della redenzione e ci assimila a Cristo, che ci conferisce una più sublime somiglianza a sè e al nostro Creatore e Padre. Purtroppo siamo ancora spesso vittime di quella primordiale tentazione che ci insinua che la personale libertà è l'apice dell'auto-realizzazione per l'uomo. Noi credenti preferiamo invece di ridare a Dio il primato che gli spetta, consapevoli che questa è la via che ci consente la nostra piena realizzazione. (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

SABATO della XXXII SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Sab Nov 17, 2018 1:35 pm


VANGELO  
Dio farà giustizia ai suoi eletti che gridano verso di lui.
+ Dal Vangelo secondo Luca 18,1-8

In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai: «In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c'era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: "Fammi giustizia contro il mio avversario". Per un po' di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: "Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi"». E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?».
Parola del Signore.

OMELIA
Il vangelo ci racconta che Gesù trascorreva intere notti in preghiera. Gli apostoli, nel desiderio di imitarlo, un giorno chiesero al loro Maestro: "Signore, insegnaci a pregare". Gesù dettò per loro e per noi il Padre Nostro. Lo stesso tema della preghiera ricorre poi più volte in diverse pagine della scrittura sacra. Del resto il bisogno di elevare lo spirito a Dio è innato nell'uomo. Sgorga da quella somiglianza che abbiamo con il nostro creatore e Dio, che indissolubilmente ci lega a Lui. Sgorga dalla umile e vera constatazione della nostra situazione di indigenza e dalla fede che riponiamo nel nostro Signore, da cui ci attendiamo quegli aiuti e quella grazie indispensabili alla nostra crescita spirituale e umana. Oggi Gesù ci raccomanda non solo di pregare, ma di "pregare sempre, senza stancarsi". Solo se instauriamo un rapporto intimo di comunione con Dio arriveremo alla preghiera continua. L'alimento principale della preghiera è infatti l'amore, che lo stesso Signore riversa nei nostri cuori, dandoci la consapevolezza di essere amati da Lui e resi capaci di riamarlo con lo stesso amore. Amore e fede si fondono nell'orazione. Con questi vincoli è facile non dimenticarlo mai ed orientare tutta al vita verso di lui. San Paolo raccomanda ai Corinti: "Sia dunque che mangiate sia che beviate sia che facciate qualsiasi altra cosa, fate tutto per la gloria di Dio". Ecco come diventa possibile la preghiera continua; è l'orientamento della vita, è il pensiero costantemente rivolto al Signore. Non può subentrare la stanchezza perché si gode nello stare con Dio, che ci infonde coraggio e sicurezze che nessuno è in grado di garantirsi da solo. Il salmista canta: "Il mio bene è stare vicino a Dio: nel Signore Dio ho posto il mio rifugio". È stato scritto che la preghiera è il respiro dell'anima, il tentativo migliore possibile di percepire e far sentire a Dio la sua presenza in noi. Una presenza paterna, affabile e confortante. Non dovremmo però cadere, come spesso accade, nell'errore di confondere il nostro intimo rapporto con Dio, come la sottoscrizione di una polizza assicurativa totale: egli ci ascolta, ma ci dona, nella sua infinita sapienza, non sempre ciò che chiediamo, ma ciò che più giova alla nostra salvezza. (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

DOMENICA della XXXIII SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Dom Nov 18, 2018 1:42 pm

#339900]]VANGELO
Il Figlio dell'uomo radunerà i suoi eletti dai quattro venti.
+ Dal Vangelo secondo Marco 13,24-32

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: "In quei giorni, dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell'uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall'estremità della terra fino all'estremità del cielo. Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l'estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte. In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno. Quanto però a quel giorno o a quell'ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre".
Parola del Signore.

OMELIA

Siamo pellegrini in questo mondo. Aneliamo nella fede e nella speranza ai beni futuri. Crediamo nella risurrezione e siamo convinti di essere stati dotati d'immortalità. La nostra vera patria non è la terra, ma il cielo. Tutto ciò che circonda, ci affascina, ci preoccupa è destinato a finire. «Panta rei», tutto passa, dicevano i filosofi greci. La stessa terra che ci ospita avrà un termine. S. Pietro parla nella sua lettera di cieli nuovi e terra nuova. È in questa prospettiva che dobbiamo leggere la Scrittura di questa domenica. L'anno liturgico volge ormai al termine e questa tappa importante per noi credenti in Cristo ci serve da una parte per riflettere sulla fugacità e sull'importanza del tempo, da vivere come dono di Dio, e dall'altra sul nostro destino eterno. È significativo che in coincidenza degli sconvolgimenti terrestri e astrali ci sia annunciata la seconda venuta del Signore Gesù che radunerà le genti da ogni parte. Ciò ci deve convincere che i progetti e le opere di Dio hanno sempre e soltanto una finalità di salvezza per le sue creature. Egli non vuole spaventarci preannunciandoci catastrofi e sconvolgimenti naturali; vuole piuttosto renderci attenti e vigilanti. Siamo ignari del futuro, ma fiduciosi in Dio che è Padre, in Cristo che ci ha resi perfetti con il suo unico e perfetto sacrificio. Nella nostra chiesa quindi non possono trovare spazio i profeti di sciagure, ma soltanto gli annunciatori della speranza e coloro che credono nell'amore misericordioso di Dio. La nostra religiosità non può e non deve cercare motivazioni da paure e fobie, ma solo dalla fede e dall'amore. Diversamente daremmo credito a coloro che affermano che la religione è l'oppio dei popoli, noi invece affermiamo che è la via della salvezza, il nostro quotidiano specchiarci in Dio per conoscerlo, per conoscerci, per comprendere il valore della vita presente e ancor più quello della vita futura. (Padri Silvestrini) [/size]
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Dom Nov 18, 2018 2:05 pm

La venuta del Figlio dell'uomo è descritta alla luce di una nutrita serie di testi profetici. Gesù con un linguaggio dai toni accesi, tipico della letteratura apocalittica, ci esorta alla vigilanza. Gesù certamente tornerà e la sua venuta sarà sorgente di salvezza, ma allo stesso tempo sottolinea la responsabilità dell'attesa, che mette in guardia la comunità cristiana dal rischio del disimpegno, dello scoraggiamento, della pigrizia, dell'impazienza. In modo più profondo verranno meditate le liturgie dell'avvento, dove Gesù ci esorterà ad non aver paura, ma una totale fiducia in Lui.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

GIOVEDI' della XXXIII SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Gio Nov 22, 2018 3:21 pm

VANGELO
Se avessi compreso quello che porta alla pace!
+ Dal Vangelo secondo Luca 19,41-44

In quel tempo, Gesù, quando fu vicino a Gerusalemme, alla vista della città pianse su di essa dicendo: «Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi. Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata».
Parola del Signore.

OMELIA
Alcune opere degli uomini sono espressamente volute da Dio stesso. Allora il cielo diventa pienamente partecipe dei significati che quelle realtà si annettono. Gerusalemme, con il suo maestoso tempio, era considerata la città di Dio, il luogo dove egli aveva fissato la sua dimora. Gli abitanti di quella città godevano di un grande privilegio e avrebbero dovuto con il loro comportamento rendere un culto particolare al Signore. Avrebbero dovuto testimoniare quella alleanza che Dio aveva stipulato con il suo popolo. Invece Gesù è testimone di un vero sfacelo religioso e morale che stava raggiungendo il suo culmine con il rifiuto e la condanna dello stesso Cristo, non riconosciuto come l'Inviato del Padre, il Messia. Gli autori principali di questa situazione erano proprio i capi religiosi del tempo, scribi e farisei, che insidiavano per invidia la vita del Cristo. Egli «alla vista della città pianse su di essa». È sicuramente un pianto di dolore quello di Gesù. La sua «vista» valica il tempo, egli vede il presente e il futuro di quella città e dei suoi abitanti: «Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, la via della pace». Parla della pace messianica tanto vagheggiata ed ora incompresa. Non può fare a meno di anticipare con accenti profetici il triste futuro che è stato riservato a quella città ingrata: «Giorni verranno per te in cui i tuoi nemici ti cingeranno di trincee, ti circonderanno e ti stringeranno da ogni parte; abbatteranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra». Sono chiare le motivazione che Gesù scandisce: non hanno compreso la via della pace e non hanno riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata. Ora quel rimprovero, motivo di pianto per Cristo, è rivolto a tutta l'umanità, a ciascuno di noi e alla sua Chiesa. Dopo secoli ancora non abbiamo compreso la via della pace nonostante la redenzione; non abbiamo compreso appieno il tempo e i tempi in cui siamo visitati da Dio e dal suo Unigenito. Ci sono ancora i motivi di pianto per Cristo, è ancora accorato il suo lamento. «Se tu conoscessi il dono di Dio», credo siano queste le parole che Cristo ci sta rivolgendo. Attende la tua e la mia risposta. (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Gio Nov 22, 2018 4:29 pm

Il lamento di Gesù di fronte a Gerusalemme è, da un lato, un annunzio di ciò che accadrà alla città quando, nel 69/70 verrà distrutta dai romani; dall'altro è un pesante invito alla conversione: la venuta di Gesù nella città santa dev'essere intesa come occasione di salvezza.
Il pianto di Gesù su Gerusalemme  è il suo lamento sul mondo che ancora non lo riceve e non riconosce la sua visita: la salvezza è pronta ma bisogna saperla accogliere con disponibilità di cuore.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

VENERDI' della XXXIII SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Ven Nov 23, 2018 10:46 am

VANGELO
Avete fatto della casa di Dio un covo di ladri.
+ Dal Vangelo secondo Luca 19,45-48

In quel tempo, Gesù, entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano, dicendo loro: «Sta scritto: "La mia casa sarà casa di preghiera". Voi invece ne avete fatto un covo di ladri». Ogni giorno insegnava nel tempio. I capi dei sacerdoti e gli scribi cercavano di farlo morire e così anche i capi del popolo; ma non sapevano che cosa fare, perché tutto il popolo pendeva dalle
sue labbra nell'ascoltarlo.
Parola del Signore.

OMELIA
Quando Gesù ha posato il suo sguardo sulla città di Gerusalemme ed è scoppiato in pianto, probabilmente aveva sotto i suoi occhi anche la visione del tempio e degli atti sacrìleghi che ivi si compivano impunemente. «Lo zelo per la tua casa mi divora»: lo zelo per il Signore, che è dettato dall'amore e dalla giustizia, esplode in giusta ira contro i profanatori della casa del Signore. Gesù subiva con santa pazienza le continue insidie ed i frequenti insulti dei suoi nemici, che tramavano contro la sua persona, ma non può sopportare la violazione continuata e sacrilega della maestà divina. Ecco perché si munisce di una cordicella e scaccia i venditori dal tempio. Per poi ribadire: «Sta scritto: La mia casa sarà casa di preghiera. Ma voi ne avete fatto una spelonca di ladri!». Gesù si riappropria del tempio e vi entra da vero Signore e Maestro:
«Gesù ogni giorno insegnava nel tempio» nonostante che i sommi sacerdoti e gli scribi, in combutta con i notabili del popolo, cercavano di farlo morire. Quante volte i «sommi» di altri tempi e coloro che sono posti in autorità, con identiche minacce, hanno cercato di far tacere la verità, di ammutolire i portatori del Vangelo! È accaduto sin dai primordi della Chiesa ma accade anche oggi. La risposta è stata ed è ancora sostanzialmente sempre la stessa: «Se sia giusto innanzi a Dio obbedire a voi più che a lui, giudicatelo voi stessi; noi non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato». Quante volte le chiese sono state trasformate in vere e proprie spelonche di ladri. Quante ancora sono chiuse e dissacrate! Quante volte, anche ai nostri giorni, nella casa del Signore si compiono furti e atti sacrileghi! «La mia casa sia casa di preghiera...»
(Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Ven Nov 23, 2018 11:07 am

L'ingresso di Gesù nel tempio si manifesta mostrando il suo dispiacere contro chi profana il tempio con i propri affari. L'ira di Gesù deve aver impressionato gli ebrei del tempo, infatti, era a Gerusalemme il centro della vita della città e il cuore stesso dell'ebraismo. Gesù non polemizza contro il tempio in quanto tale, ma vuole anzi restituirlo alla sua prima vocazione: «Sta scritto: "La mia casa sarà casa di preghiera" .
Per noi sia un invito a non sottrarre alla liturgia il suo compito: celebrare il Mistero pasquale della morte e risurrezione di Cristo.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

SABATO della XXXIII SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Sab Nov 24, 2018 9:04 am

VANGELO
Dio non è dei morti, ma dei viventi.
+ Dal Vangelo secondo Luca 20,27-40

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducèi - i quali dicono che non c'è risurrezione - e gli posero questa domanda: «Maestro, Mosè ci ha prescritto: "Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello". C'erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l'hanno avuta in moglie». Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio. Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: "Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe". Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui». Dissero allora alcuni scribi: «Maestro, hai parlato bene». E non osavano più rivolgergli alcuna domanda.
Parola del Signore.

OMELIA
Torna il tema della risurrezione dei morti, argomento sollecitato dai sadducei i quali negano che ci sia una risurrezione dopo la morte. Adducono un argomento da un fatto accaduto o sicuramente possibile. È il caso di una vedova senza figli che, in successione, prima di morire, diventa moglie di sette fratelli senza lasciare prole. La prassi tra l'altro era stata prescritta da Mosè. «Questa donna dunque, nella risurrezione, di chi sarà moglie?». Ecco la domanda insidiosa che rivolgono a Gesù, convinti di averlo messo in serie difficoltà. La risposta del Maestro è davvero illuminante per noi: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni dell'altro mondo e della risurrezione dai morti, non prendono moglie né marito». Gesù ci lascia intravedere una realtà completamente diversa da quella che viviamo in questo mondo. Dopo la nostra morte, se giudicati degni della risurrezione, diventiamo Figli di Dio, come gli angeli, vivi nello spirito e in intima comunione tra noi nell'unico amore che tutti attrae e unisce. Possiamo quindi dedurre che, pur non annullando quegli affetti e vincoli umani che ci hanno legato quaggiù, in cielo vivremo la pienezza dell'amore e la pienezza non ammette differenze e gradi. Per i sadducei Gesù aggiunge una argomentazione biblica che sarebbe dovuta risultare molto efficace per loro: «Che poi i morti risorgono, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando chiama il Signore: Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe. Dio non è Dio dei morti, ma dei vivi; perché tutti vivono per lui». Per noi cristiani l'argomento definitivo, fondamentale per la nostra fede è legato alla risurrezione di Cristo. San Paolo così ci illumina: «Se Cristo non è risuscitato, allora è vana la nostra predicazione ed è vana anche la vostra fede. Noi, poi, risultiamo falsi testimoni di Dio, perché contro Dio abbiamo testimoniato che egli ha risuscitato Cristo, mentre non lo ha risuscitato, se è vero che i morti non risorgono. Se infatti i morti non risorgono, neanche Cristo è risorto; ma se Cristo non è risorto, è vana la vostra fede e voi siete ancora nei vostri peccati. E anche quelli che sono morti
in Cristo sono perduti. Se poi noi abbiamo avuto speranza in Cristo soltanto in questa vita, siamo da compiangere più di tutti gli uomini». Risuona in noi come voce potente e suadente il grido pasquale di Cristo: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno». (Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  annaxel il Sab Nov 24, 2018 9:30 am

La controversia sulla risurrezione di morti, prende spunto dalla divisione esistente all'interno del giudaismo del tempo, tra chi affermava la realtà della risurrezione( i farisei) e chi, invece, la negava(i sadducei). La risposta di Gesù al ridicolo caso propostogli dai sadducei vuole far capire che la risurrezione non è un prolungamento <fisico> della vita terrena, ma piuttosto mostrare l'esistenza di una comunità che vive dentro la vita dell'Eterno. Rinvigoriti dalla Risurrezione di Cristo, risanati dalla sua stessa vita non moriremo più.
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

DOMENICA della XXXIV SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Lun Nov 26, 2018 2:36 pm

Il Vangelo di oggi: Gv 18,33b-37
“ Il mio regno non è di questo mondo”

In quel tempo, Pilato disse a Gesù: «Sei tu il re dei Giudei? ». Gesù rispose: «Dici questo da te, oppure altri ti hanno parlato di me?». Pilato disse: «Sono forse io Giudeo? La tua gente e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me. Che cosa hai fatto?». Rispose Gesù: «Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù». Allora Pilato gli disse: «Dunque tu sei re?». Rispose Gesù: «Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce».

OMELIA
[size=13]Commento al Vangelo del giorno:
Gesù, che sta per salire il patibolo, senza che un solo gesto dalla terra o dal cielo, sia tentato per difenderlo, questo Gesù afferma con suprema salma: “Io sono re”. Re, cioè non solo libero – ed è legato – ma anche Signore – e stanno per ucciderlo! Quell’istante esigeva la fede più salda, perché era quello dell’oscurità più fonda, era il momento in cui sembrava che del Dio-uomo nulla più restasse di Dio, e, di li a poco, più nulla dell’uomo. Non era difficilecredere alla potenza di Gesù quando comandava alle malattie, ai demoni, alla tempesta, alla morte. Ma per pensare come Re e Dio uno che è vinto,  schiacciato, ridotto al nulla, bisogna ricorrere a una logica che inverte qualsiasi pensiero umano, occorre lasciare affondare la propria intelligenza nelle tenebre più fitte, in una parola, rinunziare a qualsiasi altra luce che non sia quella della fiducia cieca, propria dell’amore (….). In quel momento ci voleva l’amore stesso di Dio per capire come lo spogliamento completo potesse costituire l’offerta suprema dell’amore, per scoprire nell’annientamento della croce la più sublime manifestazione dell’onnipotenza di Dio. Gesù manifesta la propria regalità e signoria sovrana servendosi della cattiva volontà degli uomini per il compimento della sua volontà di salvezza, utilizzando il loro odio per la sua opera d’amore. Lo crocifiggevano per toglierlo di mezzo: ed ecco che lo rituffano nell’eternità da cui era venuto e che, col suo ritorno, egli riaprirà a tutti gli uomini.


(dal sito Non di Solo Pane)
[/size]
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

LUNEDI' della XXXIV SETTIMANA del TEMPO ORDINARIO anno B

Messaggio  annaxel il Lun Nov 26, 2018 2:43 pm


VANGELO
Vide una vedova povera, che gettava due monetine.
+ Dal Vangelo secondo Luca 21,1-4

In quel tempo, Gesù, alzàti gli occhi, vide i ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio. Vide anche una vedova povera, che vi gettava due monetine, e disse: «In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti. Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere».
Parola del Signore.

OMELIA
Il vangelo di oggi suscita nell'ascoltatore un sentimento di benevolenza verso la povera vedova che, confusa tra ricchi che fanno risuonare le loro monete, getta quasi furtivamente i suoi due spiccioli nel tesoro del tempio. Eppure quel "tic" fatto dalla sua offerta suona più forte degli altri. Non solo, attira l'attenzione del Signore Gesù, che richiama quella dei suoi discepoli notando come lei abbia donato più di tutti i ricchi perché ha dato tutto quello che aveva, privandosi anche del necessario alla vita. Fa notare agli apostoli, ancora lontani dalle massime del discorso della montagna e così ammagliati dall'apparenza, il valore del dono fatto a Dio con retta coscienza e piena disposizione a privarsi di quanto ci è caro o necessario. Anche per noi del terzo millennio il fatto suona come una lezione quanto mai urgente. Siamo così pronti ad ammirare e magari invidiare chi riesce ad aprirsi la strada nel mondo dello spettacolo, della politica, del successo, del benessere... da dimenticare tanti atti di eroismo compiuti nel segreto, a volte nella famiglie dove la presenza di malati, di disabili, di anziani richiede ogni giorno una disponibilità eroica. Vi ricordate la storia di Samuele? Dio richiama a questa realtà anche la sua storia, quando è in casa di Jesse per ungere il futuro re d'Israele al posto di Saul: Gli uomini guardano l'apparenza, io invece guardo il cuore, gli disse. Sarei contento se questo brano del vangelo desse coraggio e voce a chi appunto nel segreto compie il suo dovere con amore e piena dedizione. Annoverati nel numero dei salvati, seguiranno l'Agnello nell'esultanza indicibile. Vissuti nell'umiltà e nel servizio dei fratelli, sulla loro bocca non si è trovata menzogna ma solo sincerità e benevolenza.

(Padri Silvestrini)
avatar
annaxel

Numero di messaggi : 3704
Data d'iscrizione : 14.02.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: VANGELO di Gesù: anno B

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 24 di 25 Precedente  1 ... 13 ... 23, 24, 25  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum